fbpx

Sarri in conferenza: “Presto per dire i titolari. Il rigore dato alla Roma non c’era”

Alla vigilia del match di Europa League nel quale la Lazio affronterà la Lokomotv Mosca, Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa. Queste le dichiarazioni dell’allenatore biancoceleste:

“Giocare con alte motivazioni una partita riesce a tutti, farlo per due mesi consecutivi riesce a pochi, chi lo fa per dieci mesi è un vincente. Per noi le prossime gare saranno un test. I giocatori hanno lavorato in maniera separata fino a ieri, tra chi ha giocato più e chi meno di sessanta minuti. Faremo oggi tutte le valutazioni, inoltre la Lega ci ha messo una gara campionato a sole 61 ore dal match di Europa League. Che Luis Alberto non sia tranquillo dopo la sostituzione non mi frega nulla, anzi sono contento che abbia un minimo di incazzatura. E’ un grande calciatore ed ha tanti margini di miglioramento, pretendo di più da lui. Muriqi sta dando un grande apporto alla squadra, quando entra con quella determinazione sono soddisfatto. A Torino abbiamo pareggiato grazie al rigore conquistato da lui.

Domenica Leiva ha subito fallo non lo ha commesso. Quello su Zaniolo al primo tempo non era rigore perché partiva in fuorigioco, il penalty concesso ai giallorossi non riesco a capire ancora dove sia, lo hanno visto giusto arbitro e VAR. Non mi interessa più di parlare della partita con la Roma, i punti li abbiamo fatti e dobbiamo pensare al futuro. Non dobbiamo pensare al Derby. La vittoria non so se potrà svoltare la stagione, le annate e le squadre sono tutti diverse.

Qui a Roma sto benissimo, mi diverto ed i giocatori si applicano molto in allenamento. Con la società mi trovo bene. Non so chi partirà titolare domani, è troppo presto per deciderlo, non abbiamo ancora fatto allenamenti indicativi. Fare turnover oggi per pensare al futuro lontano direi che è fuori dalla scienza.

Le considerazioni sull’avversario di domani

“Domani sarà una partita difficile, l’ho affrontata con la Juventus nel 2019 è non è stato facile batterli, abbiamo vinto con giocate dei singoli. Sono state due gare sofferte e questa volta non sarà da meno. Nikolic è un buon allenatore le sue squadre sono difficili da affrontare. Loro hanno Barinov che è un ottimo centrocampista, ha qualità per impostare e per fare la fase di interdizione. Può fare anche il difensore centrale.”