fbpx

TATTICAMENTE PARLANDO – L’analisi dei goal di Milan-Lazio 2-0

Dopo i successi consecutivi ottenuti ai danni di Empoli e Spezia, arriva la prima sconfitta in campionato per la Lazio di Maurizio Sarri. Assolutamente meritata, su questo non si discute. A partire dal piano fisico, finendo per quello mentale. Il merito va al Milan dell’ex Pioli, che in frazioni di tempo differenti, senza troppi problemi rifila ai biancocelesti un secco 2-0 e vola attualmente in vetta alla classifica a punteggio pieno. Il gioco sviluppato in partita, se così lo si vuole definire, una delusione. Altrettanto il risultato finale, per fortuna “povero” per quanto si è visto.

Nonostante il match vedeva sfidarsi da una parte la compagine assodata dei padroni di casa, e dall’altra quella ancora in costruzione degli ospiti, le aspettative alla vigilia erano sia alte che ben altre. Soprattutto, sotto il punto di vista delle rose messe a confronto e dell’inizio speranzoso di Serie A avuto da Immobile e compagni. Un ko che fa male, ma che al contempo può e deve servire a chi si era montato la testa, facendogli tornare i piedi per terra. Fattore fondamentale, che di pari passo deve andare con la consapevolezza dei propri mezzi. Piena fiducia nel futuro. Guardare avanti e voltare pagina, incominciando a pensare già all’impegno di giovedì.

Infatti, alle ore 18:45 e presso la Turk Telecom Arena, andrà in scena la 1° giornata dell’Europa League 2021-2022. In contemporanea, l’altra gara del Girone E: Lokomotiv Mosca-Marsiglia. Per avvicinarci nel miglior modo possibile alla trasferta contro il Galatasaray, andremo oggi ad analizzare le due reti messe a segno dai rossoneri durante il pomeriggio di domenica scorsa, con la consueta rubrica TATTICAMENTE PARLANDO.

MILAN-LAZIO 1-0 (Rafael Leao al 45′)

Quando il “muro” della Lazio sembrava ormai aver resistito per almeno un tempo, ci pensa Leao ad abbatterlo, aprendo e chiudendo l’azione. Illusione infranta. Contropiede di grande qualità, verso Curva Nord, quello portato avanti dal calciatore del Milan. Saltato nettamente un Lucas Leiva in evidente difficoltà, poco più avanti del cerchio del centrocampo, palla sulla destra per Rebic. Quest’ultimo, fattosi trovare già in area avversaria, serve in mezzo ad un mucchio di maglie ospiti, di nuovo l’attaccante portoghese. Una volta aver stoppato il pallone, realizza con immensa freddezza la rete del vantaggio. Un rigore in movimento, difficile da sbagliare. Tiro preciso, a fil di palo, che si va ad insaccare alle spalle dell’estremo difensore biancoceleste Reina.

MILAN-LAZIO 2-0 (Zlatan Ibrahimovic al 66′)

Incominciano i restanti 45 minuti e la musica è sempre la stessa, non cambia, nonostante ci si aspettasse un atteggiamento diverso da parte della più antica squadra della capitale, dopo il penalty sbagliato da Kessie. Il raddoppio degli uomini di Pioli, dunque, non si fa attendere. Appoggio all’indietro di Saelemaekers, spalle alla metà campo, per Tonali. Il mediano classe 2000, senza pensarci su due volte, lancia Ante Rebic lungo la fascia di sinistra, verso Curva Sud. Doppio passo che gli permette di poter entrare in area di rigore della Lazio, realizzando in seguito, come in occasione dell’1-0, un altro assist ma per un compagno differente: Zlatan Ibrahimovic. Il bomber svedese, un rientro migliore, non poteva chiederlo. Giocare una partita ufficiale a distanza di quattro mesi e tornare al goal da ben 175 giorni.

Alessio Giordano

Sono un giovane ragazzo romano di 17 anni, innamorato dello sport in generale ma in particolar modo del calcio, con il sogno nel cassetto di lavorare un giorno come giornalista sportivo. Nonostante la mia età, credo di star anticipando nettamente i tempi. Attualmente infatti, collaboro per le seguenti testate giornalistiche: NoiBiancocelesti e SuperNews.

Alessio Giordano ha 98 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Alessio Giordano