fbpx

Calciomercato Lazio: Per Correa altra pretendente, Tare prova ad abbassare il prezzo per Kostic

CORREA-GREALISH-LUKAKU:

Correa piace all’Inter di Inzaghi e la cessione di Romelu Lukaku può innescare un vero e proprio effetto domino di centravanti. Oltre ai rumors che vedrebbero Correa a Milano , sponda neroazzurra, aumentano le sirene della Premier per l’argentino, il cui addio sbloccherà il calciomercato Lazio. Oltre ad Arsenal, Leicester ed Everton – che secondo Repubblica avrebbe offerto 20 milioni di euro, pochi per i biancocelesti – si sarebbe fatta sotto l’Aston Villa. Come si legge su Il Messaggero, a Birmingham hanno messo sott’occhio l’argentino neo campione d’Europa come possibile sostituto di Grealish, appena passato al Manchester City per 100 milioni di sterline.

KOSTIC-MURIQI:

La Lazio ha bloccato Filip Kostic. I contatti costanti tra i dirigenti biancocelesti e Fali Ramadani, agente del serbo, sono serviti per dare al club di Lotito la pole per l’ala dell’Eintracht Francoforte. Ora la Lazio è avanti a tutte le altre pretendenti, ha il pieno gradimento del giocatore. Come riporta Alfredo Pedullà, però, molto – se non tutto – dipende dalla cessione o meno di Correa. Kostic alla Lazio, operazione difficile? Se con il giocatore e l’agente c’è un accordo, con la squadra, il Francoforte, la situazione non si sbloccaTare pensa ad una contropartita per arrivare a Kostic e questa si chiama MuriqiSarri fa sapere di volere solamente una punta di riserva ad Immobile e lo scambio tra i due giocatori potrebbe essere un ottima soluzione per portare un grande esterno alla corte del mister.

CAICEDO-FENERBACHE:

Uno tra Caicedo e muriqi è destinato a lasciare la Lazio e se a partire non dovesse essere il kosovaro allora si proverà a piazzare caicedone. Secondo quanto riporta il portale sportivo Fotomat, il Fenerbahce, per rinforzare il proprio reparto avanzato, sta pensando proprio a Felipe Caicedo. Il giocatore sembrerebbe avere il profilo ideale, tanto che sembra ci sia già stato un colloquio con l’agente dell’attaccante.

USCITE:

Kamenovic è finito nel mirino del Genoa. Per il club ligure, il difensore appare una necessità, meglio ancora se mancino visto che nel reparto arretrato solo capitan Criscito ha il sinistro come piede dominante.Per questo il club rossoblù starebbe pensando al difensore serbo. Kamenovic non ha convinto completamente Maurizio Sarri che lo considera ancora un po’ acerbo. Un’esperienza altrove gli permetterebbe di acquisire esperienza e di trovare maggiore spazio. Le aquile hanno bisogno di tesserarlo altrove per liberare un posto da extracomunitario.

Ci sono poi i fuori rosa, come riporta il Corriere dello Sport. Sono stati tagliati da Sarri o all’arrivo a Formello o dopo la prima fase del ritiro ad Auronzo di Cadore. Al momento si allenano a Formello agli ordini di Stefano Avincola, ma la speranza è di trovare loro una sistemazione il prima possibile. Jordan Lukaku è sicuramente il nome più rilevante nonché mai preso in considerazione. Ma attenzione anche a chi almeno ad Auronzo è andato come Durmisi e Adekanye: per il primo si parla di Spagna o Danimarca, per il secondo di Olanda. Insieme a loro ci sono i tanti giocatori provenienti dal vivaio o dalla Salernitana. Cercano quindi sistemazione PalombiFalboRossiCasasolaGondoCicerelliKiyineMaistroLombardi. Gondo quello che ha più mercato, gli ultimi tre – più André Anderson – piacciono invece al Venezia. Dall’altro ci sono invece tutti quei giocatori a Marienfeld ma con il futuro ancora in bilico. Abbiamo detto di AndréAnderson, che però se anche dovesse rimane se non altro non occuperebbe posti in lista. Ci sono poi Vavro e, probabilmente, Caicedo: i due sono stati superati rispettivamente da Patric e Muriqi, anche se poi per l’attacco molto dipenderà dalle offerte. Jony rimane in bilico, sebbene a Sarri sembri non dispiacere del tutto, se non altro per completare la rosa. Infine c’è Adamonis, che occupa un posto pesante in lista e che potrebbe partire per fare esperienza e lasciare lo spazio da terzo portiere a Furlanetto della Primavera.