fbpx

Flaminio: Calenda “Dobbiamo trovare un altro post dove fare lo Stadio”, Michetti “Sarei il primo ad auspicarmi una collaborazione con la Lazio”

Posizioni contrastanti quelle tra due canditati a sindaco di Roma sulla questione legata al Flaminio. Oggi rispondendo ad una domanda fatta dal noto influencer Er Faina i candidati a sindaco Enrico Calenda ed Enrico Michetti hanno dato due risposte del tutto antitetiche e divergenti tra loro.

Il leader della lista civica Azione Calenda ha chiuso sul nascere qualsivoglia possibilità precisando come “Il Flaminio è un grosso problema. Sarebbe naturale fare li lo stadio della Lazio, il problema è che è un bene vincolato che vuol dire che è difficilissimo sia metterlo a norma sia coprirlo sia fare qualsiasi tipo di intervento. E’ in una zona densamente popolata e sotto c’è una necropoli etrusca che impedisce il fatto di avere più parcheggi perchè qualunque opera di scavo andrebbe a toccare questa necropoli. Dobbiamo trovare un altro posto dove farlo, ma bisogna chiarire cosa fare del Flaminio”

Entusiasta invece Michetti candidato per Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia che ha spiegato che “Io sono favorevole agli impianti per lo sport che devono essere coincidenti con l’interesse pubblico. Il Flaminio è un gioiello che va valorizzato e se la Lazio avesse un interesse sarei il primo ad auspicarmi questa collaborazione”.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 895 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione