fbpx

Calciomercato Lazio: Fatta per Hysaj mentre Basic e Felipe Anderson rimangono le piste più calde

Il mercato è cominciato ufficialmente da due giorni, ma la sensazione è che quello della Lazio spiccherà il volo definitivo nella seconda metà di luglio. Soprattutto per quanto riguarda l’attacco che, con il passaggio al nuovo modulo, ha bisogno di due esterni di ruolo. Ed è per questo che i biancocelesti stanno studiando diverse soluzioni per il 4-3-3 di mister Sarri: praticamente fatta per Hysaj si lavora ad una sorpresa da regalare al mister ed ai tifosi.

TERZINI, CHI PARTE E CHI ARRIVA:

Elseid Hysaj sarà un giocatore della Lazio. Ballano solo gli ultimi dettagli sulla durata del contratto (un anno in più o in meno). Firmerà nei prossimi giorni a 2 milioni a stagione. Cifre da limare, ma è questione di particolari. Maurizio Sarri, che aveva chiesto l’albanese come primo rinforzo, verrà accontentato. Arriva senza esborsi dal Napoli dopo essersi liberato a parametro zero. Un altro affare alla Hysaj potrebbe essere l’ingaggio di Patrick van Aanholt. Il terzino sinistro, nazionale olandese, svincolato dopo l’addio al Crystal Palace, rappresenta un’occasione, anche se sulle sue tracce ci sarebbero Inter Milan. Potrebbe partire una sfida di mercato.

Capitolo uscite. Con l’addio di Lulic la fascia mancina cambia di nuovo proprietario. Anche perché Momo Fares, preso l’anno scorso dalla Spal per rimpiazzare il capitano, non ha convinto. Hysaj giocherà da terzino sinistro, l’algerino è invece in uscita. Ha richieste da Torino e Cagliari. I sardi vorrebbero regalarlo al tecnico Semplici, suo ex allenatore a Ferrara. Patron Giulini è pronto ad offrirgli un contratto anche più ricco di quello percepito alla Lazio (1,3 milioni a stagione). Da valutare, in casa Lazio, oltre a Momo Fares, il futuro di Manuel Lazzari, il cui nome è stato messo nella lista dei possibili partenti. Tuttavia, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, il club aspetterà il ritiro di Auronzo di Cadore per decidere la sorte dell’esterno. Se non riuscirà ad adattarsi ai nuovi schemi di mister Sarri, verrà messo sul mercato: la sua valutazione si aggira sui 25 milioni di euro.

CENTRALE DI DIFESA:

l nome nuovo per la difesa è Jeremiah St Juste: difensore 24enne del Mainz, olandese di origini caraibiche. L’edizione odierna del Corriere dello Sport riporta una notizia che arriva dalla Germania (via La Bild) secondo cui i biancocelesti si sarebbero inseriti nella corsa al difensore centrale insieme a Borussia Dortmund, Bayer Leverkusen e Wolsfburg. Non costa poco, la società di appartenenza lo valuta circa 15 milioni di euro ed il Borussia – società maggiormente interessata ad accaparrarsene le prestazioni – ha appena incassato una grossa cifra dalla cessione di Sancho. Lazio defilata quindi, ma un sondaggio c’è stato e Tare continuerà a monitorare la situazione dall’esterno. con 34 presenze tra Bundesliga e Coppa di Germania il giocatore è diventato una colonna del suo club, una garanzia, ed ha l’età giusta per tentare il grande salto.

BASIC SUPERA TORREIRA:

La notizia della clamorosa esclusione del Bordeaux della Ligue 1 ha fatto scalpore, la retrocessione per motivi finanziari passerà attraverso il ricorso e quindi dobbiamo aspettare. Ma di sicuro questa situazione può accelerare il trasferimento di Toma Basic alla Lazio. Ricordiamo che il club di Lotito ha un accordo totale con il classe 1996 in scadenza tra un anno, ballano due o tre milioni e l’attuale crisi del club può dare il via libera alla Lazio.

INTRECCIO CORREA BRANDT SARABIA:

Felipe Anderson è molto vicino: ritorno gradito, graditissimo, tecnicamente non si discute, il tridente che verrebbe completato da Immobile e Brandt (o Sarabia) sarebbe di spessore. La Lazio ha offerto 7 milioni più bonus al West Ham, la richiesta è leggermente superiore, questione di tempo.  Mentre Felipe Anderson si può considerare una pista concreta per la Lazio, per Julian Brandt si è ancora in alto mare. Sebbene Tare abbia in mano una bozza di accordo col padre procuratore del calciatore, Jurgen (si parla di un quadriennale a 3,5 milioni di euro compresi bonus), le difficoltà ci sono nell’avvicinamento col Borussia Dortmund. I gialloneri valutano Brandt 25 milioni di euro circa e cederlo non è una priorità, a maggior ragione se in prestito, opzione nemmeno contemplata al momento.

Pista che quindi rimane in stand-by a meno che non ci sia un colpo di scena. Quest’ultimo sarebbe la cessione di Correa. La Lazio valuta il Tucu tra i 35 e i 40 milioni di euro e un affondo concreto del Psg potrebbe convincere i biancocelesti. Questi ultimi sono tentati anche dallo scambio con Pablo Sarabia, con conguaglio però superiore ai 10 milioni proposti dai parigini. Sensazioni a parte, il secondo attaccante esterno al momento è un miraggio in vista di Auronzo di Cadore.