fbpx

Euro 2020: alla scoperta del Belgio, prossimo avversario dell’Italia

Dopo il successo per 2 a 1 di qualche giorno fa ai danni dell’Austria, il cammino dell’Italia ad Euro 2020 passa per l’Allianz Arena di Monaco di Baviera dove affronterà il Belgio. Anche i “Diavoli Rossi” dopo esser arrivati primi nel Gruppo B con 3 vittorie su 3, 7 goal fatti ed 1 subito, hanno battuto i campioni uscenti del Portogallo per 1-0.

STORIA

La Nazionale del Belgio è soprannominata con il termine “Diavoli Rossi”, per i colori presenti sulle proprie maglie di gioco. Come ben si sa fa parte sia dell’Europa che dell’Unione europea, dal 1958. Oltre a molteplici posizionamenti ottenuti nel corso degli anni della sua storia calcistica, a partire dall’esordio datato 1° maggio 1904 quando ad Uccle pareggiò per 3 a 3 contro la Francia in occasione del Trofeo Evence Coppeé, non è riuscita a portarsi a casa alcun trofeo.

Tra mancate qualificazioni, il Belgio compresa l’edizione in cui si ritirò (Brasile ’50) ha raggiunto sino ad ora quattordici volte i campionati mondiali di calcio. Tralasciando varie uscite di scena sia al primo turno (Uruguay ’30, Svizzera ’54, Messico ’70, Francia ’98), che al secondo (Spagna ’82), oltre ai raggiungimenti dei vari ottavi (Italia ’34, Francia ’38, Italia ’90, Usa ’94, Corea del Sud-Giappone 2002) e quarti di finale (Brasile 2014) spiccano agli occhi senza ombra di dubbio un quarto ed un terzo posto. Conquistati rispettivamente a Messico ’86, quando una volta battuti in semifinale per mano dell’Argentina di Maradona, persero la finale per il terzo posto contro la Francia; e Russia 2018 dove i Diavoli Rossi furono battuti alle fasi semifinali dalla nazionale francese ma arrivarono comunque questa volta sul podio battendo per 1 a 0 l’Inghilterra.

Per quanto riguarda gli Europei, oltre ad una mancata partecipazione e varie qualificazioni non centrate, insieme a quella di quest’anno ad Euro 2020, contano sei raggiungimenti. Come miglior risultato vi è un secondo posto ad Italia ’80. Preceduto da un terzo posto a Belgio ’72, un quarto di finale a Francia 2016 e due eliminazioni al primo turno a Francia ’84 e Belgio-Paesi Bassi 2000.

Tra le partecipazioni in altre competizioni, vi sono quelle dei Giochi olimpici (oro Belgio ’20, ottavi di finale Francia ’24, quarti di finale Paesi Bassi ’28) e della Nations League (2018-2019 in Portogallo, 5° posto in Lega A e quella del 2020-2021 attualmente in corso). Mentre, tra mancati inviti e qualificazioni, in Confederations Cup non ha mai avuto modo di giocare. Tra i record più rilevanti, vi sono il successo più ampio di sempre, per 10 a 1 ai danni di San Marino, e le sconfitte peggiori, con il passivo di undici goal a due ma con protagonisti a distanza di più di 100 anni l’Inghilterra. Senza dimenticare ovviamente il maggior numero di presenze e di reti, detenuti in modo rispettivo da Jan Vertonghen (130) e Romelu Lukaku (63).

ATTUALITA’

La Nazionale belga, tutt’ora ricopre la 1° posizione nella graduatoria del ranking FIFA. Il peggior risultato invece è il 66° posto dell’aprile 2009. Negli ultimi anni, grazie anche ai molteplici talenti sfornati, è riuscita spesso a partecipare in tornei di caratura internazionale. Esempio è la qualificazione ad Euro 2020. Il modulo per cui è nota è il 3-4-3, duttile per una squadra di questo tipo. Solida e completa anche in alternative sotto ogni reparto. Possesso palla e difesa, questi i due punti cardine. Tra i calciatori di maggior livello spiccano Kevin De Bruyne e Romelu Luakaku. Non dimenticando però i vari Courtois, Hazard, Carrasco e Mertens fra tutti. Giocatori dalle ottime qualità.

Alessio Giordano

Sono un giovane ragazzo romano di 17 anni, innamorato dello sport in generale ma in particolar modo del calcio, con il sogno nel cassetto di lavorare un giorno come giornalista sportivo. Nonostante la mia età, credo di star anticipando nettamente i tempi. Attualmente infatti, collaboro per le seguenti testate giornalistiche: NoiBiancocelesti e SuperNews.

Alessio Giordano ha 95 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Alessio Giordano