fbpx

Euro 2020: alla scoperta della Svizzera, prossimo avversario dell’Italia

L’inizio di Euro 2020 prosegue spedito, così come si spera il cammino dell’Italia di mister Mancini, dopo la grande vittoria all’esordio contro la Turchia per 3 a 0. Nella giornata odierna infatti, alle ore 21:00 e nuovamente allo Stadio Olimpico di Roma, andrà in scena la 2a partita del Gruppo A, che vedrà scontrarsi da una parte gli azzurri e dall’altra gli svizzeri di Vladimir Petkovic. In modo dettagliato oggi, andremo a conoscere quante più curiosità possibili sui nostri prossimi avversari, gli elvetici, così chiamati in onore degli abitanti dell’antica regione dell’Elvezia (attuale Svizzera).

STORIA

La Nazionale soprannominata “rossocrociata” per la sua bandiera, come ben si sa, fa parte dell’Europa ma non dell’Unione europea. Oltre a qualche buon posizionamento ottenuto nel corso degli anni della sua storia calcistica, a partire dall’esordio datato 1905 quando a Parigi perse 1 a 0 contro la Francia, non è riuscita a conquistare nessun trofeo.

Qualificatasi con il totale di undici volte ai campionati mondiali di calcio, tralasciando le svariate uscite di scena al primo turno (1950, 1962,1966, 2010) e agli ottavi (1994, 2006, 2014, 2018), i migliori risultati portati a casa riguardanti questa competizione sono stati per tre volte i quarti di finale: nel 1934, guidata dal proprio bomber Leopold Kiehlolz durante lo svolgimento del torneo in Italia; nel 1938, dopo il passaggio del turno ai danni della Germania e la conseguente eliminazione per mano dell’Ungheria ed infine nel 1954 con la determinante sconfitta per 7 a 5 a favore dell’Austria, nell’edizione che si svolse proprio in Svizzera.

Per quanto riguarda invece il discorso degli Europei, conta oltre alla qualificazione di quest’anno, quattro partecipazioni. Le prime tre conclusesi al primo turno (1996, 2004, 2008) e la quarta, nel 2016 in terra francese, agli ottavi di finale. Miglior risultato conquistato ai campionati europei, raggiunto peraltro dopo essersi posizionata in seconda posizione nel suo girone, grazie alla vittoria contro l’Albania e ai due pareggi nei confronti di Romania e Francia. Una volta qualificata al turno successivo, la Svizzera venne eliminata dalla Polonia solamente ai calci di rigore, con il punteggio di 5 a 4.

Tra le partecipazioni in altre competizioni, vi sono quelle dei Giochi olimpici (1924, Argento e 1928, ottavi di finale) e della Nations League (2018-2019, 4° posto e quella del 2020-2021, attualmente in corso). Mentre, tra mancati inviti e qualificazioni, in Confederations Cup non ha mai avuto modo di giocare. Tra i record più rilevanti, vi sono il successo più ampio di sempre, per 9 a 0 ai danni della Lituania, e le sconfitte peggiori, sempre con il passivo di nove goal a zero ma con protagonisti a distanza di più di 100 anni Inghilterra ed Ungheria. Senza dimenticare ovviamente il maggior numero di presenze e di reti, detenuti rispettivamente da Heinz Hermann ed Alexander Frei. Quest’ultimo, attualmente allenatore ma con un passato al Borussia Dortmund e al Basilea come calciatore.

ATTUALITA’

La Nazionale svizzera, dopo aver vantato nel 1993 il 3° posto nella graduatoria del ranking FIFA, tutt’ora ricopre la 13esima posizione con l’83° posto del dicembre 1998 come peggior risultato. Negli ultimi anni, nonostante non abbia sfornato così quali talenti, è riuscita comunque in molteplici occasioni a partecipare in tornei di caratura internazionale. Nelle partite di qualificazione per Euro 2020, la compagine allenata dal Ct Petkovic, senza troppe fatiche è riuscita a raggiungere la competizione. Infatti, in quel che è stato il Gruppo D, è arrivata prima con ben 17 punti, davanti a Danimarca, Irlanda, Georgia e Gibilterra. Un ottimo posizionamento, condito da 19 reti fatte e soltanto 6 subite.

Il modulo per cui è nota è il 3-4-1-2, che unicamente per la partita di questa sera, diventerà un 3-4-2-1, duttile per una squadra di questo tipo. Solida e completa anche in alternative sotto ogni reparto. Possesso palla e difesa, questi i due punti cardine. Tra i calciatori di maggior livello spiccano Granit Xhaxa e Xherdan Shaqiri, entrambi sotto l’osservazione di Roma e Lazio. Da tenere sott’occhio anche alcuni giovani promettenti, come Embolo e Ruben Vargas.

Di seguito il calendario della Svizzera ad Euro 2020.

Mercoledì 16 giugno 2021

Italia-Svizzera ore 21:00 (Roma)

Domenica 20 giugno 2021

Svizzera-Turchia ore 18:00 (Baku)

Alessio Giordano

Sono un giovane ragazzo romano di 17 anni, innamorato dello sport in generale ma in particolar modo del calcio, con il sogno nel cassetto di lavorare un giorno come giornalista sportivo. Nonostante la mia età, credo di star anticipando nettamente i tempi. Attualmente infatti, collaboro per le seguenti testate giornalistiche: NoiBiancocelesti e SuperNews.

Alessio Giordano ha 96 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Alessio Giordano