fbpx

Lazio-Benevento, le pagelle: Immobile e Correa fanno tutto

Di seguito le pagelle di Lazio-Benevento del nostro Augusto Sciscione: Immobile e Correa fanno tutto, Leiva invalicabile.

Reina: 6,5 Incolpevole sui gol di Sau e Glik che lo bucano con tiri imparabili. Salva su De Paoli con un guizzo ed è attento su Insigne che ci prova dal limite dell’area. Da sicurezza anche in uscita e con i piedi finisce la voce per urlare nei confronti della squadra che si accartoccia al limite della sua area di rigore

Marusic: 5 Piccola indecisione sul gol di Sau a cui lascia un pò di spazio, ma i meriti dell’attaccante ex Cagliari sono più dei suoi demeriti. Procura un calcio di rigore in maniera ingenua con una trattenuta punita troppo severamente dal Var. Nel finale non riesce ad essere lucido in alcune situazioni dove si complica la vita gestendo male il pallone.

Acerbi: 6 Fino a quando c’è Gaich in campo ha vita facile perchè riesce ad anticipare le sue mosse senza farlo mai gira ed anche di testa riesce sempre a vincere i duelli aerei. Nel finale si perde Glik su calcio d’angolo è da il via a 10 minuti da brivido. Per fortuna non perde la calma e nell’assedio del Benevento riesce a non sbagliare più.

Radu: 6,5 Il migliore del pacchetto difensivo con i giallorossi che dalla sua parte non riescono mai ad arrivare ad essere pericolosi. Bravo nelle chiusure e nel proporsi quando c’è campo. L’unico a non perdere la bussola nei minuti finali quando prova anche a gestire il pallone con intelligenza.

Lazzari: 6 Bene nel primo tempo dove mette a ferro e fuoco la fascia destra tenendo Letizia praticamente sempre basso. Nella ripresa si spegne e subisce le iniziative di Improta che lo mette spesso in difficoltà mettendo palloni dentro l’area di rigore e cucendo gioco anche sulle seconde palle su cui non riesce mai ad arrivare in anticipo. Fallisce un comodo assist per Immobile e regala altri minuti di apprensione ai tifosio.

Milinkovic: 6,5 Serve un assist tanto bello quanto importante ad Immobile che lo riporta al gol dopo troppo tempo. E’ sempre nel vivo del gioco anche perchè la Lazio si propone di più sulla destra. Unico superstite del centrocampo titolare prova a alleggerire il pressing dei giallorossi senza però essere accompagnato dai compagni di squadra.

Leiva: 7: Da un suo recupero nasce il primo gol della Lazio che apre il match. Fino a quando è in campo gli ospiti non si vedono quasi mai dalle parti di Reina perchè riesce sempre a spegnere sul nascere ogni tentativo. La sua uscita determina l’impoverimento in zona centrale della qualità e della capacità di stare sulle linee di passaggio e la partita cambia.

Parolo (dal 55′): 5,5 Ha il merito di servire l’assist ad Immobile per il 5-3 finale, pr il resto però non riesce a dare il solito apporto di energia ed esperienza e praticamente va a vuoto sempre sulle imbucate centrali dei centrocampisti avversari che si piazzano sulla trequarti campo e non fanno più uscire la Lazio dalla propria metà campo.

Luis Alberto: 6,5 Gioca alla sua maniera sempre a testa alta e nel primo tempo mette in mostra tutta la sua tecnica facendo girare il pallone come lui solo sa fare. Gira un pò più dietro perchè la squadra gioca soprattutto dalla parte destra. Inizia l’azione del quarto gol lanciando Immobile ed esce con l’idea di preservarlo per l’impegno di giovedì.

Akpa Akpro (dal 69′): 5 Ingresso horror con un giallo rimediato dopo pochi secondi e tanti palloni sbagliati a centrocampo. Lenta ma inesorabile involuzione rispetto al girone d’andata.

Hoedt (dal 86′): sv Si rivede in campo dopo molto tempo per evitare altri problemi sui calci piazzati. Fa il suo.

Fares: 6,5 Mette subito al centro un pallone interessante dove Immobile prende il palo. Va vicino al gol sulla ribattuta del rigore di Immobile e sembra essere molto pimpante dal punto di vista atletico.

Lulic (dal 55′): 6 Più diligente del compagno di Fares ha compiti difensivi che svolge al meglio. Il Benevento orchestra più a sinistra che dalla sua parte.

Immobile: 7,5 Fa tutto lui. Prima il palo, poi propizia l’autogol di De Paoli, segna due gol e fallisce un rigore e ne consegna uno a Correa. Quello che conforta e vederlo correre fino al 96esimo minuto ed averhttps://www.instagram.com/stories/ciroimmobile17/2554657930575430021/e la stessa fame dello scorso anno.

Correa: 7,5 Si guadagna il rigore che poi realizza, propizia le due autoreti di De Paoli e Montipò e sembra tornato quello della scorsa stagione. Sempre ottima l’intesa con Immobile e la sua uscita dal campo determina inesorabilmente l’arretramento della squadra che non riesce più ad uscire dalla propria metà campo.

Muriqi (dal 69′): 6 E’ l’unico in grado di arginare i difensori del Benevento nell’area della Lazio ed il voto positivo è determinato dalla sua capacità nel finale di sbrogliare situazioni complicate da palla inattiva. Male in attacco dove non si vede mai.

Farris: 6 Ottima la preparazione del piano gara con la Lazio che attacca dalla destra e che riesce subito ad indirizzare la partita. Con i cambi la squadra si addormenta perchè pensa che la partita sia già finita. C’è da lavorare sui palloni da fermo che sono sempre fonte di pericoli per la porta di Reina.

Qui il video del commento dei gol di Franco e Augusto.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 999 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione