fbpx

Lazio, inizia oggi la preparazione per la trasferta di Verona

Passate le festività pasquali la Lazio si ritroverà oggi in campo per iniziare la preparazione della delicatissima trasferta di Verona. Inzaghi dovrà sicuramente fare a meno di Lazzari e Correa che verranno fermati dal Giudice Sportivo ed a loro si aggiunge Luiz Felipe che sta ultimando la fase di preparazione atletica per rimettersi a disposizione del mister entro una decina di giorni.

Il mister quindi dovrà fare delle valutazioni in ordine alla formazione perchè se Marusic con tutta probabilità andrà a prendere il posto di Lazzari, bisognerà valutare con attenzione le condizioni di Patric, non convocato con lo Spezia per via di alcuni dolori alla schiena. Lo spagnolo, infatti, nella gerarchia del tecnico piacentino è la prima scelta rispetto a Hoedt e Musacchio che sono usciti dalle rotazioni per via delle loro prestazioni poco convincenti.

Se Patric non dovesse farcela, non è escluso che Inzaghi tenga Marusic sulla linea difensiva lanciando Lulic e Fares sulle fasce come titolari. In attacco Caicedo è pronto a prendere il posto di Correa affianco ad Immobile, ma anche li si dovrà fare una valutazione perchè sappiamo tutti che le cose migliori il Panterone le fa quando entra a gara in corsa. Altra valutazione da fare è che il Verona è una squadra che gioca a ritmi molti alti, quindi i cambi avranno un’importanza rilevante durante la gara. Al momento sono aperte diverse ipotesi tra cui non è da escludere quella di vedere lo spostamento di Luis Alberto in avanti affianco ad Immobile con l’inserimento di un centrocampista. Si potrebbe far ricorso anche ad uno tra Muriqi e Pereira che però al momento non hanno mai convinto a pieno.

Certo è che questa gara potrebbe essere il definitivo trampolino di lancio per la rincorsa al quarto posto visto che apparentemente il turno è sfavorevole ai biancocelesti che hanno tra le squadre impegnate la gara più difficile. Uscire indenni con il distacco invariato sarebbe una iniezione di fiducia importante per una squadra che tra mille difficoltà è riuscita a rimettersi in corsa già in diverse occasioni.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 1018 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione