fbpx

Amarcord: Udinese-Lazio e la Champions strappata

Archiviata la Champions League, riparte il campionato. La Lazio ricomincia da Udine per la corsa al quarto posto, una trasferta che in passato è stato spesso un crocevia per le stagioni biancocelesti. La trasferta di domenica rappresenterà una tappa importante verso il quarto posto. Dal 2010, fino ad oggi per la Lazio è stata sempre una trasferta difficile, lasciando punti fatali proprio a favore dell’Udinese per la lotta al quarto posto.  Nell’era di Simone Inzaghi però la Lazio si è sempre ben comportata, ottenendo tre vittorie e un pareggio, proprio nel campionato 2017-2018 la banda Inzaghi ha centrato un risultato importantissimo battendo 2-1 l’Udinese allora allenata dall’ex biancoceleste Massimo Oddo. E’ infatti l’8 Aprile del 2018 e alla Dacia Arena va in scena la trentunesima giornata di Serie A, la Lazio sta inseguendo la qualificazione in Champions mentre l’Udinese è reduce da sette sconfitte consecutive, finendo impigliata nella lotta salvezza. Inzaghi per la partita manda in campo i suoi assi a disposizione ovvero, Immobile, Luis Alberto Milinkovic e Felipe Anderson per conquistare tre punti che permetterebbero il sorpasso sull’Inter e l’aggancio alla Roma al terzo posto. La partita non comincia bene e dopo 13 minuti di gioco Kevin Lasagna porta in vantaggio l’Udinese. La Lazio però ha una marcia in più e al 26’ è Ciro Immobile a trovare la via del pareggio siglando il suo 27° goal in maglia biancoceleste, (ne segnerà solo altri due fino alla fine della stagione, complice un infortunio che lo terrà fuori per il finale di campionato, ma che gli permetteranno di conquistare il titolo di capocannoniere con 29 goal in concomitanza con Icardi dell’Inter). Passano undici minuti e con uno scambio veloce Milinkovic e Immobile mettono in condizione di battere a rete Luis Alberto che fa 2-1, complice anche Bizzarri che non è reattivo sulla conclusione dello spagnolo. Vittoria importantissima che manda la Lazio in alto in classifica e alimenta il sogno Champions League. Purtroppo sappiamo come finirà, nonostante i 72 punti conquistati la Lazio sarà estromessa dal quarto posto a causa degli scontri diretti (a favore dell’Inter) e se non ci fossero stati sviste arbitrali clamorose forse la qualificazione in Champions sarebbe arrivata con qualche anno di anticipo. In quel campionato la Lazio dimostrò di non essere inferiore a nessuna delle pretendenti della Champions League, come può dimostrarlo anche in questo cominciando da Udinese-Lazio.