fbpx
SEVILLE, SPAIN - AUGUST 20: Franco Vazquez of Sevilla FC celebrates after scoring during the match between Sevilla FC vs RCD Espanyol as part of La Liga at Estadio Ramon Sanchez Pizjuan on August 20, 2016 in Seville, Spain. (Photo by Aitor Alcalde/Getty Images)

Calciomercato, Lazio: Vazquez si o Vazquez no?

In casa Lazio, in queste ultime ore si è parlato molto di calciomercato.

Sui giornali, in radio e tra i siti d’informazione biancoceleste si inizia a pensare al futuro e trapelano i primi nomi per il mercato che verrà.

Molto dipenderà dal piazzamento in classifica e dalla riconferma di Mister Inzaghi eppure a Formello si inizia a programmare la prossima stagione.

Tra Lotito e il tecnico piacentino sappiamo che la distanza è minima: l’ufficialità è attesa entro il mese di marzo, durante la sosta per le Nazionali ci sarà l’incontro risolutorio per sistemare tutti i dettagli e arrivare all’intesa definitiva.

Dopo la partita contro il Crotone diversi nomi sono “rimbalzati” tra i vari canali d’informazione biancoceleste, ma uno in particolare ha rubato l’attenzione dei più appassionati.

Parliamo di “El Mudo” Franco Vázquez, soprannominato così (in lingua italiana “il muto”) perché lo definiscono un giocatore timido, riservato e poco loquace.

Ma chi è Franco Vázquez?

Biografia

Nato a Tanti, il giocatore è cresciuto e ha vissuto a Villa Carlos Paz, in provincia di Córdoba. Possiede la cittadinanza italiana perché la madre è di Padova e perché la nonna paterna è di Casorate Sempione in provincia di Varese.

Proprio in virtù delle sue origini ha scelto di giocare per la Nazionale italiana, decisione che è stata poi rettificata nell’agosto del 2016 quando ha dichiarato di sentirsi argentino e di sperare nella convocazione della Seleción; cosa che poi è avvenuta due anni più tardi grazie al fatto che ha indossato la maglia azzurra soltanto in amichevoli.

Caratteristiche Tecniche

E’ un trequartista dotato di estro ed eleganza, grande tecnica di base, visione di gioco ed un ottimo piede sinistro, che gli permettono di essere decisivo come uomo assist. Non è velocissimo, ma riesce ugualmente a mettere a segno una grande quantità di dribbling, grazie alla sua tecnica cristallina. Temibile nei contropiedi, possiede un ottimo tiro dalla distanza ed è bravo a lanciare a rete i compagni, nonché nella protezione della palla per far salire la squadra. Tatticamente è in grado di giocare anche da seconda punta nel 4-4-2, nel ruolo di esterno sinistro di centrocampo e in quello di regista. I più nostalgici lo ricordano per le annate in maglia rosa con il Palermo. Il tecnico Giuseppe Iachini, nella seconda parte della stagione 2013-2014 al Palermo, lo ha schierato talvolta nel ruolo di mezzala.

Palermo

Il 1º settembre 2011 la società italiana del Palermo, che lo aveva osservato proprio nella partita contro l’Olimpo, annuncia il suo acquisto – a partire da gennaio 2012 – per 4,53 milioni di euro. Il 3 gennaio 2012, all’apertura della sessione invernale del calciomercato, è stato ufficialmente ingaggiato, firmando un contratto fino al 30 giugno 2016.

Gioca  cominciando dalla panchina per un totale di 14 presenze quasi tutte da subentrato. l 27 agosto passa in prestito alla società spagnola del Rayo Vallecano per giocare con più continuità.

Torna a vestire la maglia del Palermo il 17 agosto 2013 in occasione della partita del terzo turno di Coppa Italia persa 1-0 contro l’Hellas Verona. Il 10 marzo 2014 segna il suo primo gol con la maglia del Palermo nella partita Juve Stabia-Palermo (0-3) della 28ª giornata. Il 3 maggio 2014, dopo la vittoria contro il Novara per 1-0 in trasferta grazie a un suo gol, ottiene la promozione in Serie A – con annessa vittoria del campionato – con cinque giornate d’anticipo. Il 15 settembre 2014 segna il suo primo gol in Serie A con la maglia del Palermo, in occasione della sconfitta 2-1 in casa dell’Hellas Verona. Nella gara contro la Lazio, dopo l’uscita dal campo di Édgar Barreto, prende per la prima volta al braccio la fascia di capitano del Palermo. Conclude la stagione totalizzando 10 reti in campionato (tre in meno del compagno di reparto Paulo Dybala).

Nella stagione seguente Vàzquez si dimostra nuovamente un leader importante della squadra (orfana del partente Dybala andato alla Juventus) formando la coppia d’attacco titolare con Alberto Gilardino, con cui stringe un rapporto di amicizia. Segna 8 reti in 36 presenze in Serie A 2015-2016 contribuendo alla salvezza della squadra rosanero ottenuta all’ultima giornata dopo una stagione segnata da molteplici cambi di allenatore. complessivamente con il Palermo ha messo insieme 109 presenze e 22 gol.

Siviglia

Il 16 luglio 2016 per 15 milioni di euro viene ceduto al Siviglia con cui firma un contratto quinquennale. L’esordio stagionale con la società spagnola avviene in occasione della Supercoppa UEFA: Vázquez parte titolare e segna anche il primo gol per il Siviglia, ma la competizione verrà vinta dal Real Madrid per 3-2.  Il 14 settembre esordisce in Champions League allo Juventus Stadium nel match pareggiato per 0-0 contro la Juventus. Gode della fiducia di Jorge Sampaoli e gioca con continuità. Totalizzerà 38 presenze complessive. Trenta in campionato, condite da 7 goal.

La stagione seguente inizia in maniera negativa per un infortunio al ginocchio. Rilanciato dal nuovo tecnico Vincenzo Montella, torna titolare esprimendosi a grandi livelli. Il 7 febbraio realizza il goal del definitivo 2-0 nella semifinale di Coppa del Re 2017-2018 contro il Leganés, contribuendo con un’ottima prestazione alla conquista della finale, persa a Madrid contro il Barça (5-0).

Il 26 luglio 2018 segna il suo primo goal in Europa League contro gli ungheresi dell’Újpest (4-0 per gli andalusi). Il 12 agosto perde la finale di Supercoppa di Spagna contro il Barcellona (2-1) ed il 19 agosto apre le marcature nella prima giornata di campionato (1-4) al Rayo Vallecano. Grazie alle buone prestazioni della prima parte della stagione, a settembre esordisce con la Selección argentina. Conclude la stagione con 3 goal in campionato e 3 in Europa League. Nella stagione successiva, caratterizzata dal blocco al campionato a causa della pandemia di COVID-19, il 21 agosto 2020 vince l’Europa League; nel corso della competizione ha siglato 2 goal in 10 presenze. Si tratta del primo titolo vinto da Vázquez con gli andalusi, ottenuto dopo aver perso quattro finali (una di Coppa del Re, due di Supercoppa di Spagna ed una di Supercoppa UEFA).

Calciomercato

Il centrocampista del Siviglia è in scadenza e non rinnoverà il proprio contratto, a fine stagione sarà libero di trasferirsi in un altro club a parametro zero. Vazquez è infatti diventato un corpo estraneo del Siviglia: 8 apparizioni totali nella Liga per soli 63 minuti complessivi. L’ex Palermo è stato penalizzato dall’arrivo del Papu Gomez nell’ultima sessione di mercato e per questo è in cerca di una nuova avventura. Stando a quanto riportato da GolDigital e TodoFichajescom sarebbe fatta per Franco Vazquez alla Lazio.

Notizia smentita poche ore dopo dal sito calciomercato.com, secondo il quale ancora una volta le voci rimbalzate dalla Spagna e replicate dai media italiani sono destinate a rimanere tali.  Il famoso sito di mercato ha poi aggiunto che il giocatore italo argentino ha un paio di squadre italiane su di lui, ma che tra queste non vi è la Lazio.

Vazquez si Vazquez no?

Questo noi non lo sappiamo e lasciamo a voi le conclusioni. Continuiamo a sfogliare la margherita con una grande convinzione: E’ questo il periodo giusto  della stagione per programmare il futuro e porre le basi per l’anno che verrà, Vazquez o non Vazquez.