fbpx

La partita più importante rimane Bologna-Lazio

La notte porta consiglio e così deve essere per la Lazio dopo la disfatta di ieri sera contro il Bayern Monaco. I bavaresi, infatti, con una dimostrazione di straordinaria organizzazione, unita alla sapiente tecnica ed alla prorompente fisicità hanno messo a nudo tutti i difetti della squadra di Simone Inzaghi che è caduta malamente, anche per via dei numerosi errori individuali che hanno spianato la strada agli ospiti. I biancocelesti sono stati stritolati, prima che dagli avversari, da un approccio alla gara molto timoroso che fin dalle prime battute di gioco ha fatto intuire come la pressione invece che essere sulle spalle degli strafavoriti campioni del mondo era, in maniera inspiegabile, piombata come un macigno su tutti i giocatori in campo con la maglia biancoceleste.

Inutile però pesare al passato perchè non si può certo cambiare, quello che la Lazio deve fare è ripartire già da sabato con maggior grinta e determinazione per continuare l’inseguimento al quarto posto che diventa obiettivo di capitale importanza per dare continuità di crescita ad ogni livello. Nel post-partita dalle parole dei protagonisti, ed in primis dal mister Inzaghi, è emersa grande amarezza per non aver interpretato la gara con lo spirito giusto e la concentrazione necessaria, ma subito dopo chiaro è stato l’obiettivo da puntare… Bologna-Lazio. La gara del Dall’Ara diventa un crocevia fondamentale della stagione perchè dopo una partenza a rilento la Lazio ha inanellato un buon trend nel 2021 interrotto solo dalla sconfitta a Milano contro la capolista Inter. La gara contro la squadra di Mihajlovic e quella successiva con il Torino diventano delle vere e proprie finali perchè proprio con le piccole nel girone d’andata si sono persi diversi punti che avrebbero fatto comodo in questo momento.

L’analisi della stagione non potrà di certo passare dalla sfida contro il Bayern Monaco che si sapeva essere più che proibitiva, ma dal raggiungimento dell’obiettivo dichiarato… entrare tra le prime quattro. Questo è il crocevia fondamentale che società, staff tecnico e giocatori sanno che sarà la vera cartina di tornasole di questa stagione. Inutile adesso andare a cercare responsabili di questa sconfitta, perchè non sarà di certo questo risultato a decidere l’andamento della stagione, ma soprattutto perchè per giocarti certe gare devi essere abituato a farlo e solo entrando di nuovo in Champions League ci sarà la possibilità di rigiocare partite come quella di ieri.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 215 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione