fbpx

Serie A, Inter-Lazio, Inzaghi: “C’è rammarico e delusione, abbiamo approcciato bene ma poi quel rigore ha indirizzato la gara in un certo modo. Adesso pensiamo alla prossima”

L’Inter si aggiudica il posticipo che la vedeva impegnata contro la Lazio con il risultato di 3-1.

Al termine del match ai microfoni di Sky Sport è arrivato il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi:

C’è rammarico perché potevamo ottenere di più. Sapevamo la partita che avrebbe fatto l’inter, abbiamo tenuto bene il campo ma poi il risultato dice altro. E’ brutto subire un rigore così.

Ho provato a mettere più fisicità ma dovevamo tenere molto di più. Appena riaperta non dovevamo riprendere gol così. Pe i cambi di Leiva e Hoedt, il difensore era ammonito e non volevo rimare in 10. Leiva stava facendo bene ma volevo dargli un cambio in quel momento. Escalante ha fatto bene bene quando è entrato.

Lukaku? Avevamo provato tutta la settimana con Acerbi centrale ma il forfait di Radu all’ultimo ha cambiato i nostri piani.

Purtroppo non potevamo rinunciare a giocare, non potevamo rinchiuderci, non era il nostro piano partita. E’ normale concedere ad un giocatore forte come Lukaku. Ho fatto i complimenti alla squadra. I ragazzi sono delusi ed amareggiati ed ho provato a spiegargli che quel rigore solo se lo rivedi venti volte probabilmente puoi darlo, ma si fa fatica, c’è grande rammarico per come è andato deciso l’arbitro ad assegnarlo. Da li è stata indirizzata la partita dopo 25 minuti che stavamo dominando fin li. Adesso andiamo avanti e pensiamo alla prossima partita.

Volevo tenere Lukaku e Lautaro il più lontano dall’area possibile. Venivamo da un buon momento, stasera abbiamo approcciato bene la gara ma dopo quel rigore abbiamo perso la lucidità. Ho provato ad inserire due punte fisiche per andare sugli esterni cercando qualche cross ma niente”.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5214 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione