Lazio, Il Presidente Lotito chiama Fares: “Un grande gesto di generosità, nello stile della Società”

A seguito del bel gesto ad opera di Momo Fares per il rider di Napoli, aggredito e derubato del proprio scooter, come si legge sulle pagine online del sito ufficiale della società capitolina, il Presidente della Lazio Claudio Lotito ha chiamato l’esterno biancoceleste per congratularsi con lui:

Sincero apprezzamento per il gesto di grande generosità e sensibilità e per la riservatezza e la discrezione con cui lo ha compiuto” è stato espresso dal Presidente della S.S. Lazio Claudio Lotito nel corso di una telefonata con il giocatore della squadra biancoceleste e della Nazionale algerina, per la donazione elargita a favore di Gianni Lanciato, l’uomo di 52 anni rapinato del suo scooter mentre stava svolgendo l’attività di rider a Napoli.

L’affermazione di questi valori viene prima dei risultati specie quando si tratta dell’aiuto verso i più deboli, da parte di chi è stato più fortunato. Fares ha compiuto un gesto personale che incarna perfettamente lo spirito di diverse altre iniziative che insieme a tutta la squadra e al mondo Lazio portiamo avanti da tempo in favore dei più bisognosi. Il fatto che non abbia cercato clamore lo rende ancora più significativo e degno di apprezzamento da parte della Società e di esempio per tutti.

Roberto Viarengo

Sono di Roma, classe 1981, Laziale da sempre. Laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione presso l'Universitá la Sapienza di Roma, e con qualche esperienza di giornalismo sportivo alle spalle, sono attualmente impiegato presso una pubblica amministrazione. Le mie passioni a livello sportivo sono da sempre il basket Nba (sponda Lakers) ed ovviamente la Lazio. Prima volta allo stadio il 27/08/1986, l'inizio della stagione dei -9, con l'aquila sul petto della squadra di mister Fascetti e del bomber Fiorini, per sfidare Maradona e l'ex Giordano, da lì in poi è stato solo immenso Amore.

Roberto Viarengo ha 156 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Roberto Viarengo

Roberto Viarengo