Il nostro Direttore, Franco Capodaglio, intervistato dal sito “Superscommesse”: “Quanto scritto sulla Gazzetta è stato esagerato. NoiBiancocelesti? Sono orgoglioso della mia squadra”

Nella giornata di oggi il sito Superscommesse.it ha pubblicato un’intervista al nostro Direttore, Franco Capodaglio, per parlare del nostro portale di informazione biancoceleste e degli argomenti di stretta attualità che riguardano la Lazio. Pubblichiamo, di seguito, uno stralcio di questa intervista ed il link diretto per poterla leggere interamente.

[…] Buongiorno e grazie per aver accettato l’intervista con noi. Come e quando nasce la realtà di Noi Bi­ancocelesti?

L’idea del sito nasce intorno al 2007, con la denominazione Noi Aquile Biancocel­esti. Dopo appena un anno, però, cambierà nome e assumerà quello attuale, ripreso dal programma radi­ofonico che conducevo in quegli anni. Il sito nasce come por­tale di informazione a 360° sul mondo La­zio, ma negli ultimi due anni, di comune accordo con i miei collaboratori, abbia­mo inteso cambiare un po’ il taglio edit­oriale, prediligendo la qualità rispetto alla quantità. Abbi­amo voluto puntare sugli approfondimenti, sui focus, sulle rubriche e sulle inte­rviste in esclusiva. E devo dire che que­sto cambio di rotta ha portato ottimi ri­sultati, in termini di visibilità e di ulteriore credibilità­.​ […]

[…] Cosa pensa dell’inch­iesta uscita sulla Gazzetta riguardo ai tamponi effettuati dalla società e della successiva reazione da parte dei tifosi? Pensa che la possi­bilità di andare in Serie B sia concreta?

Sono convinto che qu­anto è stato scritto sul giornale sia es­agerato. Un attacco sproposito alla soci­età accusata di aver barato, senza atten­dere la conclusione dell’inchiesta feder­ale. Abbiamo visto come si stiano creando molti casi di refe­rti contradditori nel nostro campionato, ma anche in Europa, vedi caso Salisburg­o. Proprio per questo bisognerebbe mante­nere dei toni più ca­uti per poi non subi­rne delle conseguenze legali.​ Rischiare di infettare tutto il gruppo squadra, avversari ed arbitri per mandare in panchina Leiva ed Immobile col Torino, tra le ultime in classifica, sarebbe stata una follia. Quindi è impensabile che sia accaduto.
Rischio serie B? Non scherziamo per fav­ore. Non lo prendo neanche in consideraz­ione perché la Lazio ha​ seguito le risultanze dei tamponi fatti da un istituto qual­ificato. Se c’è un errore, la società bi­ancoceleste è parte lesa. […]

Per leggere l’intervista completa, clicca qui