“I ragazzi di Bruges”

Parlare di eroismo, enfatizzare in modo esagerato un pareggio in terra belga penso non sia opportuno in un momento tanto drammatico non soltanto per il nostro Paese ma per tutto il mondo.
Però possiamo sottolineare, limitatamente al mondo sportivo, rimanendo ancorati al calcio giocato, che quei ragazzi, quelli che, ieri sera, hanno vestito i colori del cielo hanno compiuto un’impresa. Una vera e propria impresa sportiva.
Ciò che caratterizza noi Laziali, e che non ha bisogno di conferme ulteriori, è proprio la dimostrazione di un attaccamento alla maglia, al simbolo, ai colori. E vedere quei ragazzi sacrificarsi in ogni angolo del campo, recuperare palloni e spazi, aiutare il compagno in difficoltà, prendere e fare falli fino all’ultimo secondo è stata un’enorme soddisfazione per gli occhi e per il cuore.
Potremmo stare qui a parlare di tecnica, stilare pagelle, eleggere il migliore in campo ma, così facendo, non si renderebbe giustizia all’impresa sportiva.
Come pensare che una Lazio al completo avrebbe concluso la pratica in venti minuti. Non serve a niente e non serve a nessuno.
Ieri sera ci siamo tutti convinti che una partita può cementare un gruppo. Può realizzare quello che, a fatica, si realizzerebbe in anni e anni di partite, di allenamenti, di parole.
Le famose “seconde linee” hanno dimostrato di esserci, di tenere a quel simbolo che tutti noi amiamo da sempre.
L’incontro di ieri non va valutato come un pareggio, come una vittoria che sarebbe potuta essere, come una sconfitta non pervenuta. Ieri sera abbiamo toccato con mano il valore di un allenatore, dei suoi uomini, di uno spogliatoio legato dove il sacrificio, la volontà di riuscire, la voglia di non uscire sconfitti e di dimostrare il proprio valore, va al di là di un rapporto esclusivamente legato ad un pallone che rotola.
Grazie Mister e grazie ragazzi!

Pierpaolo Gentili

Scrittore, sceneggiatore e regista. Organizza laboratori di scrittura creativa. Tra le sue pubblicazioni più recenti: “La luna, inevitabilmente, e la vita”, “A testa alta” con Paolo Arcivieri, “Banco...Mat”, “L'amore rende belli” con Fabiola Cimminella, “Calcio d'inizio”. Tra gli incarichi assunti: Responsabile dell’ Ufficio Stampa del Notegen Club, del Teatro al Borgo e dell’ Associazione Culturale “Giano Bifronte”, redattore delle riviste culturali “Orizzonti”, “Versicolori”, Direttore Editoriale della rivista “Supertifo” con Daniele Caroleo. Conduttore radiofonico e opinionista presso emittenti locali, fondatore della rivista “Diffidare dalle Imitazioni”. Regista del film “Quel coniglio è un predatore”, scritto con Federico Rinaldi. Premi vinti: quattro volte segnalato al Premio Internazionale Eugenio Montale, il “Città di Giungano”, il “Premio Tritone”. Il “Premio Mondatori” nel 2018. Fa parte della Giuria del “Premio di letteratura calcistica Gabriele Sandri”.

Pierpaolo Gentili ha 24 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Pierpaolo Gentili

Pierpaolo Gentili