Lazio, Akpa-Akpro: “Questo gruppo è come una famiglia. Adesso testa al Bologna”

Jean-Daniel Akpa Akpro, centrocampista biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel:

“L’emozione di martedì sera non la dimenticherò mai, ho segnato al debutto in Champions League come Inzaghi. Volevamo ripartire dopo la sconfitta contro la Sampdoria, abbiamo fatto una grande partita. Dobbiamo giocare sempre così, aiutandoci tutti insieme. Non pensavo di riuscire a trovare spazio in così poco tempo, devo ringraziare il mister.

Io devo dare il massimo in ogni partita per tutti, voglio fare una grande stagione per la squadra. Siamo un grande gruppo, è come una famiglia, come testimonia la vittoria di martedì scorso. Quando ho visto il pallone in rete non ero ancora sicuro di aver segnato, Immobile mi ha fatto un assist incredibile, lo ringrazio. Dopo il gol ho subito visto i miei figli, ero contento di stare con loro. Adesso testa a sabato al Bologna, non c’è tempo per fermarsi a pensare quanto fatto. Sarà fondamentale dare continuità e conquistare punti pesanti.

Dopo il gol contro il Borussia non ho preso subito il telefono, ho preferito festeggiare prima insieme ai compagni. Famiglia? Siamo numerosi, ho tre fratelli più piccoli e due più grandi. Prima del calcio ballavo hip hop, ho cominciato a giocare con il Tolosa a 5 anni. Lì divento capitano ma poi purtroppo arriva la pubalgia, dove rimango sei mesi fuori. Questo però appartiene al passato. Adesso in campo non mollo mai, mi piace dare sempre il massimo anche per ripagare la fiducia data da Lotito. L’Italia mi piace, così come tutti i suoi derby”.