Lazio, Fares presentato a Formello: “La Lazio è una grandissima squadra e giocarci è un onore. Darò il massimo in ogni partita”

Presentazione ufficiale a Formello del nuovo esterno della Lazio Mohamed Fares. Il primo ad intervenire è stato il ds Igli Tare:

Momo Fares un giocatore voluto dal nostro allenatore. E’ un calciatore voluto per le sue qualità, ha tanto da dire ancora e spero che la Lazio sarà la squadra giusta per farlo esplodere nel calcio che conta”.

Questo l’intervento del nuovo calciatore della Lazio:

Sto riprendendo la forma, mi sento abbastanza bene. Con il Messico non ho rischiato, non ho giocato perché ho sentito un po’ di dolore, ma poi per fortuna ho ripreso subito. E’ stata una grande gioia quando ho saputo dell’interesse della Lazio nei miei confronti perché la Lazio è una grandissima squadra, l’ho affrontata da avversario e giocarci oggi è un grandissimo onore.

Il centro sportivo, i compagni, l’interesse della società nei miei confronti, sono state le cose che mi hanno colpito di più appena arrivato. Il mio ruolo naturale è il quinto di sinistra.

Ho sentito Lazzari prima di arrivare, con lui ho giocato due anni a Ferrara e ci siamo trovati benissimo.

Mi farò trovare pronto in ogni occasione e spero di dare il massimo in ogni partita. Ci vorrà tempo per ambientarsi, conoscere i compagni, il mister ma ce la faremo”.

Roberto Viarengo

Sono di Roma, classe 1981, Laziale da sempre. Laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione presso l'Universitá la Sapienza di Roma, e con qualche esperienza di giornalismo sportivo alle spalle, sono attualmente impiegato presso una pubblica amministrazione. Le mie passioni a livello sportivo sono da sempre il basket Nba (sponda Lakers) ed ovviamente la Lazio. Prima volta allo stadio il 27/08/1986, l'inizio della stagione dei -9, con l'aquila sul petto della squadra di mister Fascetti e del bomber Fiorini, per sfidare Maradona e l'ex Giordano, da lì in poi è stato solo immenso Amore.

Roberto Viarengo ha 98 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Roberto Viarengo

Roberto Viarengo