LE PAGELLE – Lazio-Atalanta 1-4: Marusic irriconoscibile, Maresca a senso unico, i biancocelesti affondano

STRAKOSHA Sostanzialmente incolpevole sui gol subiti, cerca di limitare ulteriormente i danni respingendo di piedi un tiro di Zapata nel primo tempo 6

PATRIC Difesa traballante, non è esente da colpe. Il pallone del terzo gol lo passa lui a Gomez. Che poi segna il quarto superandolo senza particolari problemi 4

ACERBI La Lazio incassa 4 gol, evidentemente c’è qualcosa da migliorare in fase difensiva. Lui lotta sempre con il solito ardore, ma serve a ben poco 5,5

RADU Nel primo tempo affonda con il resto della difesa biancoceleste. Esce nel secondo tempo, acciaccato 5

BASTOS (dal 57′) Dato per partente, entra in campo con molta grinta, spingendo molto anche sul piano offensivo. Ma è tutto inutile 6

LAZZARI La difesa atalantina argina correttamente le sue folate sulla fascia. Potrebbe avere sui piedi la palla per accorciare le distanze sul finire della prima frazione di gioco, ma preferisce passarla, malamente, al centro dell’area dove stava tentando di sopraggiungere Immobile. 5

ANDERSON (dal 70′) Pochi minuti per lui, in una situazione molto complicata S.V.

MILINKOVIC Sembra un po’ svogliato in mezzo al campo ed il terzo gol nasce da un suo rinvio di testa indirizzato, sostanzialmente, verso nessuno, sul quale l’Atalanta si avventa e concretizza. Ha il merito di fare l’assist per l’unico gol biancoceleste, siglato da Caicedo 5

AKPA AKPRO (dal 70′) Entra a partita ormai compromessa, recupera anche qualche pallone S.V.

LEIVA Lotta come un leone in mezzo al campo, ma nulla può contro il centrocampo atalantino di questa sera, e soprattutto contro Maresca, che distribuisce cartellini a casaccio (omettendone qualcuno). Uno di questi è indirizzato a lui e quindi, ad inizio secondo tempo, Inzaghi preferisce sostituirlo 6

CATALDI (dal 49′) Entra al posto di Leiva e fa quel che può, in una situazione già abbastanza compromessa. Viene ammonito al 69′ e, con l’ingresso di Escalante, va a fare la mezzala sinistra. 5,5

LUIS ALBERTO Tanta corsa, buoni spunti, ma la squadra affonda, e lui con essa. Esce al 70′ per fare posto ad Escalante 5,5

ESCALANTE (dal 70′) Pochi minuti nel ruolo di vice (vice) Leiva, con la Lazio già pesantemente sotto: la musica sostanzialmente non cambia S.V.

MARUSIC La prestazione di Cagliari, purtroppo, sembra solo un lontano ricordo. Sul primo gol subisce una lieve spinta, che l’arbitro però non considera come fallosa (il montenegrino verrà anche ammonito per le proteste successive), e lascia che il suo avversario colpisca di testa in piena area. Sul secondo, segue Zapata fino al centro dell’area, lasciando completamente libero il quinto avversario, che infatti insacca indisturbato alle spalle di Strakosha. Sul quarto gol la ripartenza atalantina viene attivata da un suo appoggio totalmente fuori misura. Come se non bastasse fallisce anche due occasioni succulente per accorciare le distanze. Giornata da dimenticare 3

CAICEDO Prova a fare quello che sa fare meglio: sportellate con i difensori avversari e la sponda per i compagni. La prima parte gli riesce un po’ meglio, nella seconda risulta spesso impreciso e frettoloso. Segna il gol del momentaneo 1 a 3. Ammonito sul finire di partita per proteste dopo aver subito un fallo nettissimo, non ravvisato però dal solito Maresca, al limite dell’area. 5,5

IMMOBILE Sgomita, lotta, rincorre, colpisce una traversa, sbaglia un paio di occasioni, ma non smette mai di combattere. Avremmo bisogno della sua concretezza sotto porta, oggi più che mai 5

INZAGHI La Lazio affonda malamente contro l’Atalanta di Gasperini. Ci sono dei limiti oggettivi in questa squadra sui quali si sarebbe dovuti intervenire in sede di calciomercato. Speriamo che i nuovi arrivi, nei prossimi giorni, contribuiscano in tal senso. Simone non potrà sempre fare miracoli. 5

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 854 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo

Avatar