Lazio-Atalanta, Inzaghi alla vigilia: “Domani gara importante e molto intensa. Dopo la sosta avrò la rosa completa”

Come da prassi, intervenendo ai microfoni di Lazio Style Channel, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi, ha presentato il match che i suoi disputeranno contro l’Atalanta, domani allo Stadio Olimpico alle ore 20:45, nella prima gara casalinga della stagione:

“Sappiamo del valore dell’avversario che andremo ad incontrare. E’ una squadra che conosciamo ed in questi anni ci sono sempre state sfide intense e belle da giocare. Non ci aspettavamo una prima giornata che poi è stata rinviata. Sarà sicuramente una gara tra due squadre che stanno facendo un ottimo cammino da quattro anni a questa parte.

 

In questo momento il mercato dà qualche turbolenza a tutti gli allenatori, c’è la possibilità di operare fino al 5 ottobre e la società sta cercando di soddisfarmi, di lavorare. Sappiamo che avremo tante partite, come ho già detto. Adesso in queste prime tre gare ravvicinate siamo un po’ in ritardo, ma penso che dopo la partita con l’Inter, complice la sosta per le nazionali, avrò la squadra al completo.

 

Mi aspetto una partita tra due squadre organizzate. Sappiamo che in questi anni con l’Atalanta nelle partite è successo di tutto, sono sempre partite bellissime, ricordiamoci che giochiamo contro una squadra che quaranta giorni fa si stava giocando un meritato accesso alle finali di Champions.

 

L’Atalanta è una squadra molto intensa, noi dovremo fare altrettanto, sapendo che avremo contro un avversario organizzato non semplice da affrontare, che come noi ha giocato la prima partita di campionato tre giorni fa .

 

Penso che Adam (Marusic) sia sempre stato un giocatore che in tutti questi anni ho sempre apprezzato molto, perché oltre ad essere un buon giocatore è un bravissimo ragazzo. Dispiace che negli ultimi due anni ha avuto un po’ di problemi che lo hanno rallentato nel suo percorso ma adesso è riuscito ad allenarsi con continuità e domenica scorsa ha fatto un’ottima partita come tutti i suoi compagni di squadra.

 

Il discorso delle “etichette frettolose” non è una prerogativa di Roma ma è habituè nel mondo del calcio, dobbiamo essere tutti un po’ più obiettivi e sarà sempre il campo poi il giudice migliore.

 

Non posso sapere cosa farà Gasperini, io so che la mia squadra ha cercato di recuperare le energie mentali spese a Cagliari, e che ieri si è allenata discretamente, avremo ancora la rifinitura di oggi pomeriggio e spero che domani i ragazzi possano fare una grande partita.

 

Per gli indisponibili valuteremo oggi la situazione di Bastos, Ramos invece non può essere ancora tra di noi e nei prossimi giorni cercheremo di aggregare anche i nuovi per fargli capire bene i movimenti della squadra.

 

In questo momento credo che il mercato sia chiuso con Hoedt e Pereira, ma la mia concentrazione adesso è solo per la partita di domani che sarà molto importante per noi.

 

Pereira è un giocatore importante che può alternarsi tra la zona di centrocampo ed il ruolo di seconda punta, perché l’ha fatto nella sua carriera. E’ un giocatore di qualità che dovrà inserirsi in un gruppo collaudato, quindi siamo fiduciosi”.

Roberto Viarengo

Sono di Roma, classe 1981, Laziale da sempre. Laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione presso l'Universitá la Sapienza di Roma, e con qualche esperienza di giornalismo sportivo alle spalle, sono attualmente impiegato presso una pubblica amministrazione. Le mie passioni a livello sportivo sono da sempre il basket Nba (sponda Lakers) ed ovviamente la Lazio. Prima volta allo stadio il 27/08/1986, l'inizio della stagione dei -9, con l'aquila sul petto della squadra di mister Fascetti e del bomber Fiorini, per sfidare Maradona e l'ex Giordano, da lì in poi è stato solo immenso Amore.

Roberto Viarengo ha 99 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Roberto Viarengo

Roberto Viarengo