Foto Alfredo Falcone - LaPresse01/03/2017 Roma ( Italia)Sport CalcioLazio - RomaTim Cup 2016 2017 - Stadio Olimpico di RomaNella foto:wallacePhoto Alfredo Falcone - LaPresse01/03/2017 Roma (Italy)Sport SoccerLazio - RomaItalian Football Tim Cup 2016 2017 - Olimpico Stadium of RomaIn the pic:wallace

Calciomercato Lazio: per tesserare un nuovo extracomunitario serve una cessione all’estero

Poco più di due settimane alla fine del calciomercato. Il DS Igli Tare è alla ricerca di un profilo in difesa da regalare a Inzaghi, poi si penserà eventualmente ad un nuovo innesto a centrocampo. Tanti i nomi che girano attorno alla Lazio e tanti ne sono succeduti senza arrivare però a dama.

Uno degli ostacoli alla campagna acquisti riguarda senza ombra di dubbio il problema relativo al tesseramento di extracomunitari. La regola parla infatti chiaro: le squadre che hanno in rosa più di due calciatori extracomunitari possono tesserarne altri due a patto che uno di questi conti almeno 5 presenze in nazionale o 2 match con la stessa nell’ultimo anno; per tesserare l’altro, invece, si è obbligati a cedere almeno uno dei propri giocatori non appartenenti all’UE all’estero e a titolo definitivo.

Nella Lazio il primo slot è stato occupato da Muriqi grazie alle sue costanti presenze nella nazionale kosovara. Per acquistare un altro calciatore non comunitario, invece, bisogna cedere definitivamente e all’estero uno dei cinque extracomunitari di proprietà biancoceleste. Al momento questi sono: Strakosha, Marusic, Minala (in prestito al Qingdao in Cina, ma il cartellino è della Lazio), Bastos e Wallace. Se i primi due sono incedibili, i due difensori potrebbero presto far le valigie e liberare lo slot. L’angolano piace in Turchia ma si parla spesso di un prestito, cosa che non sbloccherebbe la situazione. Bisogna trovare la giusta formula e avere pazienza e fortuna. Ma non Fortuna Wallace: nella stessa situazione di Bastos, il brasiliano non sembra rientrare nei progetti di Inzaghi e si cerca una sistemazione anche assieme a Jorge Mendes, suo procuratore.

Fino a che questa casella non verrà liberata, la Lazio sarà obbligata a concentrare le proprie attenzioni su calciatori appartenenti all’UE. Nelle ultime ore si parla con insistenza di profili provenienti dalla Bundesliga ma chissà che, una volta sistemata la situazione extracomunitari, Igli Tare non possa guardare anche oltre ai confini europei.

 

Dante Chichiarelli

Nato a Roma, il 26 agosto del 1984, inizia ad appassionarsi al calcio a non ancora 6 anni, durante i Mondiali di Italia '90, quelli delle Notti Magiche e di Totò Schillaci. Di lì a poco tempo diventerà tifosissimo della Lazio, la squadra nel DNA di tutta la famiglia. Il suo bisnonno, Silvio Blasetti, giocò nella prima squadra della Capitale nei primi decenni del '900 e da quel momento tutta la famiglia iniziò ad appassionarsi ai colori biancocelesti. Al calcio affianca un'altra grande passione, quella per la scrittura e per il giornalismo. Dopo le scuole, frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione presso "La Sapienza" di Roma e nel 2009, dopo aver collaborato per oltre due anni con "Sportlocale", settimanale sul calcio dilettantistico e giovanile, diventa giornalista pubblicista. Sempre in quegli anni inizia a frequentare il corso di giornalismo sportivo curato da Guido De Angelis e di lì a breve diventerà uno dei redattori della rivista "Lazialità". Nel corso del tempo numerose sono le collaborazioni con periodici on-line e cartacei. Nel 2011, per circa un anno, diventa Direttore Responsabile del mensile "Futuro Giovani Magazine". Ad oggi, nonostante gli impegni lavorativi, continua a coltivare le sue due grandi passioni che lo accompagnano sin dai primi passi della vita.

Dante Chichiarelli ha 42 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Dante Chichiarelli

Dante Chichiarelli