Calciomercato: Simone Inzaghi, il contratto ed il mercato da Champions

La Lazio ha iniziato il ritiro pre-campionato sotto le tre cime di Lavaredo ad Auronzo di Cadore.
E come ogni anno Simone Inzaghi, artefice dell annata straordinaria che ha riportato la Lazio in Champions League dopo 13 anni, è pronto a guidare i suoi ragazzi verso una stagione che si annuncia entusiasmante per i tifosi Laziali.

Dove è il problema quindi?
Il problema sta nel fatto che il tecnico piacentino, a cui è stato proposto il prolungamento di contratto dal presidente Lotito, si trova ad affrontare ad oggi, la stagione più difficile con la stessa squadra invecchiata di un anno.
Dopo i festeggiamenti per l’ingresso in Champions, gli erano state fatte promesse precise, il tesoretto ci sarebbe stato e il Mister si è fatto ingolosire, preparando una bella lista degli acquisti.

In quella lista figurava un portiere di esperienza da affiancare a Strakosha, quel Pepe Reina oggi 38enne, che fino ad ora è l’unico acquisto, arrivato ad Auronzo.
Il tecnico piacentino avrebbe voluto, già pronti per essere inseriti nel suo 3-5-2 giocatori pronti dal campionato italiano o esperti di certi palcoscenici. Vertoghen o Thiago Silva per la difesa, Fofana a centrocampo insieme al compagno di squadra Rodrigo De Paul per dare forza e fantasia, ad un centrocampo che è arrivato senza benzina e cambi a fine campionato.

Era stato chiaro Inzaghi nella sua ultima intervista stagionale, sappiamo dove intervenire, andremo a coprire delle falle.
Un grande “buco” da coprire è quello del sostituto di Senad Lulic come esterno di sinistra, si ipotizzano due entrate per quel ruolo, visto il perdurare dell infortunio del Bosniaco ed i dubbi che si insinuano che il capitano possa tornare al calcio giocato.
Fares è il giocatore indicato da Inzaghi, ritroverebbe il suo gemello Lazzari, nella fascia opposta, per una Lazio a trazione anteriore, con la spinta delle due frecce sulle ali. Bisogna però accelerare i tempi; il giocatore franco-algerino viene da un brutto infortunio, va inserito negli schemi e le frequenti azioni di disturbo dell’Inter, oltre ai 2 milioni di euro che ballano tra offerta e richiesta, stanno frenando la conclusione della trattativa.

Due milioni che ballavano anche nella trattativa per portare Vedat Muriqi a Roma, i media Turchi danno l’accordo raggiunto per 20 milioni bonus compresi, con annuncio e visite programmate per i prossimi giorni. Il gigante Kosovaro è stato voluto dal Ds Igli Tare, pronto a scommettere sulle qualità di questo calciatore che si è messo in evidenza in questi ultimi anni in Turchia con le maglie del Bursaspor e del Fenerbahce, sebbene sul taccuino di Simone Inzaghi ci sarebbe stato Kevin Lasagna, blindato dall’Udinese con una richiesta di circa 20 milioni per la sua cessione.

Ulteriori ingressi in attacco e difesa,avverranno con le eventuali uscite di Bastos e di Luiz Felipe e di Caicedo.
La politica di uno entra e uno esce, che ha caratterizzato i mercati di Lotitiana memoria, non cambierà nemmeno quest’anno.
Simone Inzaghi prima di accettare il rinnovo di contratto, dopo essere diventato il recordman di presenze di tutti i tempi, vuole vederci chiaro.
Si è esposto in prima persona, quando gli è stata prospettata l’occasione di comprare il fantasista spagnolo David Silva ed è rimasto scottato dalla scelta clamorosa del campione iberico di aver scelto il Real Sociedad, ad un passo dalla firma.

È finito il periodo delle promesse e delle scommesse, la Lazio è pronta a spiccare il volo.
Il mercato ufficiale inizia domani, c’è ancora tempo per far sognare i tifosi e costruire una squadra pronta per affrontare i mari agitati dell’Europa che conta. Inzaghi vuole sognare insieme alla sua gente, che lo acclama come condottiero e si fida della sua ambizione e della sua voglia di continuare a crescere.
Non ci si può fermare adesso,il tempo c’è ancora ma mai come adesso non si può sbagliare…