fbpx
© bestino / Shutterstock.com

L’agente di Immobile: “Le critiche? Roba gratuita ed inutile. Ciro resterà nella storia. Conquistare questi titoli con la Lazio non è lo stessa cosa che farlo con Real Madrid o Bayern Monaco”

L’agente di Ciro Immobile, Marco Sommella, è stato intervistato dal quotidiano “La Repubblica” per parlare, ovviamente, del suo assistito

“Per chi vuole bene a Ciro e gli sta vicino, è stata un’emozione indescrivibile. Ha fatto una cosa che, a memoria, a nessuno è mai riuscita. Quando Higuain ha fatto il record di 36 gol in campionato, nel 2016, non ha vinto la Scarpa d’Oro, che negli ultimi anni era andata sempre a Messi o Ronaldo. Immobile invece ci è riuscito, ha messo insieme tre titoli per un filotto senza precedenti in Italia. Tra venti o trent’anni, racconteremo la notte del San Paolo ai nostri nipoti. Noi italiani amiamo farci del male da soli, abbiamo un po’ di prosciutto davanti gli occhi: sono quattro anni che combattiamo una battaglia persa. Un ragazzo così andrebbe tenuto bello stretto, invece no, e addirittura nei giorni scorsi alcuni quotidiani hanno ricordato come il suo rendimento in nazionale fosse diverso: roba gratuita e inutile. Bisognerebbe solo alzarsi in piedi ed elogiarlo, perché conquistare questi titoli con la Lazio non è la stessa cosa che farlo con Real Madrid o Bayern Monaco. Purtroppo in Italia è così, anche in nazionale hanno provato a far giocare finti centravanti o punte che non giocavano da anni. Ci abbiamo fatto l’abitudine, l’importante è che Ciro rimarrà nella storia: anche a livello umano, sarà un esempio per i bambini, come per me lo erano Vialli o Baggio. Troppi rigori? Sono nato in quest’ambiente e ho giocato anche io a calcio. La cosa che mi fa ridere è che ci sono critici che non sanno fare due palleggi e non sanno quanto sia difficile fare gol: in ogni livello, dai giovanissimi alla Nazionale. Sembra che farne 40 sia facile, invece no: o lo hai nel dna o no. Immobile segna da quando aveva 10 anni e continua a farlo adesso che ne ha 30. Molti sono anche prevenuti, ma non voglio entrare in polemiche gratuite, ora è soltanto tempo di festeggiare. Non si parla di mercato adesso, è giusto che venga celebrato. Non devo tranquillizzare i tifosi della Lazio in vista della Champions perché Immobile ha un contratto molto lungo (2023, dr). Le offerte? Se qualcuno lo vuole, dovrà parlare direttamente col presidente Lotito”.