Napoli-Lazio, le probabili formazioni: Acerbi stringe i denti, dubbio sulla fascia sinistra

Ultima giornata di campionato. La Lazio, in cerca di gol e record, fa visita a casa del Napoli di Gattuso. Obiettivo secondo o terzo posto e far segnare Immobile (magari su assist di Luis Alberto). Simone Inzaghi ha le idee chiare ed al San Paolo cerca l’impresa per superare gli 80 punti stagionali.

NAPOLI

In casa azzurra l’attenzione nelle ultime ore si è concentrata tutta sul neo acquisto Osimhen, punta nigeriana arrivata dal Lille. “Un colpo da 100 milioni!” lo ha definito De Laurentiis. Vedremo se, il prossimo anno, il centravanti africano sarà un acquisto da top club oppure no. Nel frattempo c’è da preparare anche la sfida di Champions League contro il Barcellona e la gara contro la Lazio potrebbe essere un buon banco di prova. Fuori Milik, il tridente partenopeo sarà composto da Callejon, Mertens e Insigne.

LAZIO

Simone Inzaghi vuole ottenere il massimo dalla gara di Napoli e concludere al meglio la stagione. Una vittoria vorrebbe dire Champions League matematica, con una tra Atalanta ed Inter che scenderebbe al quarto posto. Oltre a questo c’è da aiutare Immobile a raggiungere (e magari superare) il record di 36 gol stagionali di Higuain. Ciro è a 35: andare a segno al San Paolo significherebbe ottenere l’ennesimo record stagionale e portarsi a casa la Scarpa d’Oro, ormai ad un passo. I dubbi di Inzaghi riguardano soprattutto la corsia sinistra: Marusic è favorito su Djavan Anderson e Jony ma il nodo potrebbe essere sciolto all’ultimo momento. Acerbi, non al meglio della forma, stringerà i denti e sarà della partita. In attacco Immobile verrà affiancato da Correa, con Caicedo che partirà dalla panchina.

PROBABILI FORMAZIONI:

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Fabian, Lobotka, Zielinski; Callejon, Mertens, Insigne. All. Gattuso. A disp.: Meret, Karnezis, Maksimovic, Luperto, Hysaj, Ghoulam, Demme, Allan, Elmas, Politano, Lozano, Milik.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Patric, Luiz Felipe, Acerbi; Lazzari, Milinkovic, Parolo, Luis Alberto, Marusic; Correa, Immobile. All. Inzaghi. A disp.: Proto, Guerrieri, Vavro, Bastos, J. Lukaku, Cataldi, D. Anderson, A. Anderson, Jony, Falbo, Adekanye, Caicedo

ARBITRO: Calvarese di Teramo.

Dante Chichiarelli

Nato a Roma, il 26 agosto del 1984, inizia ad appassionarsi al calcio a non ancora 6 anni, durante i Mondiali di Italia '90, quelli delle Notti Magiche e di Totò Schillaci. Di lì a poco tempo diventerà tifosissimo della Lazio, la squadra nel DNA di tutta la famiglia. Il suo bisnonno, Silvio Blasetti, giocò nella prima squadra della Capitale nei primi decenni del '900 e da quel momento tutta la famiglia iniziò ad appassionarsi ai colori biancocelesti. Al calcio affianca un'altra grande passione, quella per la scrittura e per il giornalismo. Dopo le scuole, frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione presso "La Sapienza" di Roma e nel 2009, dopo aver collaborato per oltre due anni con "Sportlocale", settimanale sul calcio dilettantistico e giovanile, diventa giornalista pubblicista. Sempre in quegli anni inizia a frequentare il corso di giornalismo sportivo curato da Guido De Angelis e di lì a breve diventerà uno dei redattori della rivista "Lazialità". Nel corso del tempo numerose sono le collaborazioni con periodici on-line e cartacei. Nel 2011, per circa un anno, diventa Direttore Responsabile del mensile "Futuro Giovani Magazine". Ad oggi, nonostante gli impegni lavorativi, continua a coltivare le sue due grandi passioni che lo accompagnano sin dai primi passi della vita.

Dante Chichiarelli ha 20 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Dante Chichiarelli

Dante Chichiarelli