Il Pagellone di Noi Biancocelesti: Immobile da record! E quel ringraziamento sotto la Nord…

Mancano due giornate alla fine del campionato e la settimana appena trascorsa ha significato molto per la Lazio: quarto posto matematicamente acquisito (con conseguente Champions League in tasca, a meno di inverosimili congiunture astrali) e alcuni record battuti con altri ad un passo dall’esser raggiunti. Vediamo insieme, nel nostro consueto Pagellone del lunedì, quali sono stati i punti chiave della settimana passata.

VOTO 9 a CIRO “THE KING” IMMOBILE
34 gol in campionato (41 stagionali), 101 in serie A con la maglia della Lazio, 123 totali con l’aquila sul petto (superato Giorgio Chinaglia, prossimo obiettivo Beppe Signori). Sono numeri da capogiro quelli di Ciro Immobile. Ormai sfidare record e abbatterli è diventato il suo lavoro preferito. Mancano due giornate: obiettivo Scarpa d’Oro e record in serie A di Higuain, a sole due lunghezze. Con un Immobile così, sognare è ormai d’obbligo.

VOTO 7 a MILINKOVIC-SAVIC
Il Sergente sta tornando. Nonostante un periodo di appannamento per tutti, Sergej Milinkovic-Savic sta mano a mano riprendendo le redini del centrocampo biancoceleste. Un gol da cineteca contro il Cagliari, in una partita che fino a quel momento sembrava non essere delle migliori per il Sergente, un calcio di punizione da trenta metri contro il Verona. Due gol fondamentali per la Lazio e per il serbo stesso che alle domande sul suo futuro prossimo risponde senza alcun dubbio: “Voglio giocare la Champions con la Lazio”. Musica per le orecchie di Inzaghi e di tutti i tifosi laziali.

VOTO 6,5 a DJAVAN ANDERSON
Una parte di gara convincente la scorsa settimana contro la Juventus, poi di nuovo degli sprazzi molto positivi nella sfida al Verona. Simone Inzaghi sembra aver trovato un’alternativa in più sulle fasce con Djavan Anderson. L’ex Bari, esterno destro di natura, ha ricoperto negli ultimi tempi in maniera più che positiva il ruolo di laterale sinistro, orfano di Lulic prima e di Jony poi. Probabilmente c’è da migliorare in vista della Champions ma Anderson fino a questo momento sta dimostrando di poter essere un discreto rincalzo nella rosa laziale.

VOTO 4 alle SVISTE ARBITRALI IN SERIE A
Qualcuno, nel corso del campionato, ha avuto la faccia tosta di dire che la Lazio sarebbe stata avvantaggiata dai numerosi rigori a proprio favore. Se andiamo però a rivedere questi uno ad uno, è quasi impossibile trovarne qualcuno che, a norma di regolamento, non fosse giusto assegnare. Basta fare pochi passi al di là del Tevere, invece, ed ecco che di dubbi ne sorgono in maniera esponenziale. Qualche settimana fa contro il Parma, furono gli emiliani a recriminare a gran voce contro gli avversari giallorossi. Poi stessa storia col Verona, fino ad arrivare alla partita di ieri sera contro la Fiorentina in cui si rischia addirittura di poter ripetere il match. La VAR ha sicuramente aggiustato diverse lacune, ma la classe arbitrale, soprattutto in alcune situazioni, ha ancora molto da lavorare.

VOTO 10 ai RINGRAZIAMENTI SOTTO LA NORD
La Lazio batte 2-1 il Cagliari ed è matematicamente fra le prime quattro della serie A. Un risultato passato quasi in secondo piano, se si pensa a quali obiettivi erano sorti durante la stagione, ma comunque un traguardo importantissimo se immaginato ad inizio campionato. Arrivato, purtroppo, sì fra le mura amiche ma senza la cornice di pubblico alla quale i giocatori biancocelesti erano abituati. Ecco così che, a fine partita, tutta la squadra si dirige in segno di ringraziamento verso una Curva Nord vuota fisicamente ma piena nei cuori di tutti. Un omaggio verso chi c’è sempre stato e che è venuto a mancare, per causa di forza maggiore, nel momento più importante della stagione. Onore ai ragazzi e a tutte quelle persone che con il cuore erano lì a ricevere questo meraviglioso omaggio.

Dante Chichiarelli

Nato a Roma, il 26 agosto del 1984, inizia ad appassionarsi al calcio a non ancora 6 anni, durante i Mondiali di Italia '90, quelli delle Notti Magiche e di Totò Schillaci. Di lì a poco tempo diventerà tifosissimo della Lazio, la squadra nel DNA di tutta la famiglia. Il suo bisnonno, Silvio Blasetti, giocò nella prima squadra della Capitale nei primi decenni del '900 e da quel momento tutta la famiglia iniziò ad appassionarsi ai colori biancocelesti. Al calcio affianca un'altra grande passione, quella per la scrittura e per il giornalismo. Dopo le scuole, frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione presso "La Sapienza" di Roma e nel 2009, dopo aver collaborato per oltre due anni con "Sportlocale", settimanale sul calcio dilettantistico e giovanile, diventa giornalista pubblicista. Sempre in quegli anni inizia a frequentare il corso di giornalismo sportivo curato da Guido De Angelis e di lì a breve diventerà uno dei redattori della rivista "Lazialità". Nel corso del tempo numerose sono le collaborazioni con periodici on-line e cartacei. Nel 2011, per circa un anno, diventa Direttore Responsabile del mensile "Futuro Giovani Magazine". Ad oggi, nonostante gli impegni lavorativi, continua a coltivare le sue due grandi passioni che lo accompagnano sin dai primi passi della vita.

Dante Chichiarelli ha 20 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Dante Chichiarelli

Dante Chichiarelli