Lazio-Sassuolo, De Zerbi: “Vittoria strepitosa. La nostra società lavora bene. Continuiamo a sognare”.

Ennesima sconfitta dei biancocelesti che cadono anche sotto i colpi del Sassuolo tra le mura amiche dell’Olimpico. Il primo ad arrivare ai microfoni di Sky Sport nel post-partita è il tecnico neroverde De Zerbi:

“Una grande vittoria, di tutti. Raspadori è un prodotto del nostro settore giovanile. Se ne cambiamo 9 e facciamo una grande partita vuol dire che la società lavora bene. Avremmo potuto anche fare più gol. Non posso lamentarmi, questi ragazzi sono strepitosi.

L’obiettivo è la squadra che sta davanti a noi finchè potremo raggiungerla, al momento è il Milan che sta in Europa. Finchè il campo dirà che non potremo arrivare più al settimo posto, spingeremo al massimo.

Se il campo dice che possiamo vincere anche con più di un gol dobbiamo crederci, questa non è presunzione, è convinzione.
In questo stadio anni fa ho preso anche 6 gol, l’idea portata avanti adesso mi ricompensa.

Giocare a porte chiuse non c’è il trucco del pubblico, quindi porta un po’ tutti alla pari. Spero avremo questa personalità anche quando torneranno i tifosi. L’aspetto mentale è il più importante sul quale abbiamo lavorato molto. La squadra migliora nella sua globalità quando migliorano i singoli.

Sono un privilegiato ad allenare questi giocatori, non solo dal punto di vista tecnico ma da come ci credono. Sono tutti professionisti che vogliono migliorarsi. Dopo il 3-3 a Milano i giocatori si sentivano come di aver perso.

Mi lego ai giocatori perché l’aspetto umano fa la differenza. Non ho ansie per andare da altre parti.”

Roberto Viarengo

Sono di Roma, classe 1981, Laziale da sempre. Laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione presso l'Universitá la Sapienza di Roma, e con qualche esperienza di giornalismo sportivo alle spalle, sono attualmente impiegato presso una pubblica amministrazione. Le mie passioni a livello sportivo sono da sempre il basket Nba (sponda Lakers) ed ovviamente la Lazio. Prima volta allo stadio il 27/08/1986, l'inizio della stagione dei -9, con l'aquila sul petto della squadra di mister Fascetti e del bomber Fiorini, per sfidare Maradona e l'ex Giordano, da lì in poi è stato solo immenso Amore.

Roberto Viarengo ha 101 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Roberto Viarengo

Roberto Viarengo