Lazio-Milan, Parolo: “Non dimentichiamo qual era il nostro obiettivo ad inizio stagione. Paquetà? Ci vuole rispetto per l’avversario”.

Ai microfoni di Lazio Style Channel è intervenuto Marco Parolo in rappresentanza dei giocatori biancocelesti, ricordando il reale obiettivo della Lazio ed incoraggiando tutti a ripartire:

“Penso che la partita è stata tale fino al 60’ decisa da due episodi come il gol deviato ed il rigore. Noi non abbiamo fatto tanto, è vero, ma forse con il gol di Lazzari poteva cambiare qualcosa.

Reagire ad un 3-0 alla fine, in questa parte del campionato non è facile. Dobbiamo Saper resettare tutto, ricaricarci e pensare alla partita di martedì.

Non dimentichiamoci quello che stiamo facendo. Siamo a 7 punti dalla Juve ma ricordiamoci qual era il nostro reale obiettivo.

Noi abbiamo la nostra consapevolezza sulla stagione disputata. Le assenze stanno sicuramente influendo, non è facile in questo momento del campionato. L’obiettivo è finire nel migliore dei modi la stagione, centrare l’obbiettivo Champions e poi vedere cosa accade.

Abbiamo ancora due giorni per recuperare prima di Lecce, speriamo soprattutto di recuperare qualche giocatore. Con più rotazioni ci sarebbe sicuramente più freschezza.

Per Paquetà dico che ci vuole il rispetto dell’avversario e che certe situazioni è meglio evitarle. Alla fine comunque lui ha capito e abbiamo chiarito tutto”.

Roberto Viarengo

Sono di Roma, classe 1981, Laziale da sempre. Laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione presso l'Universitá la Sapienza di Roma, e con qualche esperienza di giornalismo sportivo alle spalle, sono attualmente impiegato presso una pubblica amministrazione. Le mie passioni a livello sportivo sono da sempre il basket Nba (sponda Lakers) ed ovviamente la Lazio. Prima volta allo stadio il 27/08/1986, l'inizio della stagione dei -9, con l'aquila sul petto della squadra di mister Fascetti e del bomber Fiorini, per sfidare Maradona e l'ex Giordano, da lì in poi è stato solo immenso Amore.

Roberto Viarengo ha 120 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Roberto Viarengo

Roberto Viarengo