fbpx

LE PAGELLE – Lazio-Milan: il sogno biancoceleste svanisce malamente, ma applausi a questa squadra sulla quale nessuno avrebbe mai puntato ad inizio campionato

STRAKOSHA Beffato da un tocco di un suo compagno sul tiro di Calhanoglu. Intuisce anche il rigore di Ibrahimovic, ma la palla schizza comunque oltre la linea. Sul tre a zero è in uscita, e può fare bene poco. Salva su Hernandez al 68′. 5,5

PATRIC Crolla sotto i colpi rossoneri, si lascia sfuggire Ibra, ma è fuorigioco. Poi tiene in gioco Rebic per il 3 a 0 del Milan. 5

ACERBI Il solito leone, ma non è la sua partita migliore. Così come tutta la squadra. Quando entra Vavro scala sul centrosinistra. 6

RADU Il braccio non è allineato ed il rigore è inevitabile, purtroppo. Per il resto, partita difficile 5

VAVRO (dal 55′) Si piazza al centro della difesa, e dopo pochi minuti la Lazio subisce il terzo gol. Rebic lo supera facilmente poco dopo, ma l’azione non si concretizza. Non riesce a dare la stessa sicurezza di Acerbi in quel ruolo. Sul finale di partita prova anche a segnare con un tiro dal limite dell’area 5,5

LAZZARI Soffre parecchio Theo Hernandez sulla sua fascia di competenza. Corre, come al solito, moltissimo, e segna anche. Ma è in fuorigioco, colpa di Luis Alberto che ha aspettato troppo per servirgli l’assist. 6

MILINKOVIC Il suo apporto sarebbe stato fondamentale in questa sfida, ma non entra mai in partita. Sull’unico pallone decente calciato, al 65′, si fa male e chiede il cambio 5

D. ANDERSON (dal 66′) Entra con la giusta grinta e cattiveria. La partita è ormai compromessa, ma lui corre e si propone tantissimo. E’ sicuramente un giovane con ottime prospettive e con buonissima personalità 6,5

LEIVA Rientra dopo diverso tempo di assenza, e prova a fare il suo. Ma la partita è fin da subito in salita 6

ADEKANYE (dal 46′) Prova a dare un po’ di movimento in fase offensiva, ma risulta spesso precipitoso 5,5

PAROLO Deviazione fondamentale, ma totalmente involontaria, sul primo gol del Milan. Cambia posizione più volte nel corso della partita. E’ in debito d’ossigeno, ma è uno degli ultimi ad arrendersi. 6

JONY Una delle poche note positive dei primi 55 minuti di gioco. Corre e si propone. Cross interessante ad inizio partita sul quale Correa e Parolo non riescono ad intervenire. 6,5

LUKAKU (dal 55′) Quando subentra a partita in corso è sempre capace di prestazioni molto positive. Anche in questo caso ha cercato di dare ulteriore spinta sulla fascia sinistra. Ammonito al 77′. 6

LUIS ALBERTO Non è la sua partita migliore. Mancano le sue verticalizzazioni e le sue intuizioni. 5

CORREA Doveva essere la sua partita, e invece… sembra sempre impaurito, anche nelle poche azioni offensive biancocelesti non hai mai la giusta grinta. 5

CATALDI (dal 63′) Entra non al meglio, per provare a ridare ordine all’assetto della squadra. Ma la situazione è ormai precipitata. Si vede poco. 5,5

INZAGHI I sogni della Lazio si infrangono sulla formazione rossonera, ma al di là del risultato odierno,  conseguito in totale emergenza, questa squadra ed il suo allenatore meritano solo applausi per questa stagione straordinaria. Nessuno avrebbe mai puntato sulla Lazio ad inizio campionato, eppure la formazione capitolina ha lottato strenuamente, anche in situazione di piena difficoltà. Oggi è solo una pagina di questa stagione, di certo non la migliore, ma non può sicuramente cancellare tutto quello che di buono abbiamo ammirato in questi mesi. 6 per la partita, 10 per la stagione

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 893 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo