Coronavirus, il Premier Conte: “Inizia la Fase 2, quella della convivenza con il virus.” E per quanto riguarda le sessioni di allenamento…

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa annuncia le direttive per la cosiddetta Fase 2 in merito all’emergenza Coronavirus. Di seguito alcuni passaggi fondamentali dell’intervento del Premier, con una particolare attenzione alla questione delle attività sportive professionistiche:

“Inizia la fase 2 ma dobbiamo continuare a rispettare la distanza sociale o la curva risale. Avete manifestato tutti, da nord a sud, forza e coraggio. Adesso inizia per tutti la fase di convivenza con il virus: dobbiamo essere consapevoli che la curva del contagio potrà risalire. Questo rischio c’è e dobbiamo assumercelo. Nella fase 2 sarà fondamentale la distanza di sicurezza e il rischio che il contagio si diffonda. […] Dal 4 maggio, […] per l’attività sportiva ci si potrà allontanare dalla propria abitazione, rispettando una distanza di 2 metri. Per consentire una ripresa delle attività sportive saranno consentite le sessioni di allenamento degli atleti professionisti e non professionisti, ritenuti dal Coni e dal ministero dello Sport di interesse nazionale. Saranno a porte chiuse e con misure di distanziamento per chi pratica sport individuali.[…] Abbiamo un indirizzo chiaro del Governo: il 18 maggio avremo in programma una riapertura anche del commercio del dettaglio. Abbiamo in animo di riaprire musei, mostre e videoteche e gli allenamenti delle squadre in ambito sportivo.[…]”

Ad una specifica domanda sull’eventuale ripresa del campionato di Serie A di uno dei giornalisti presenti alla conferenza stampa, il Premier ha poi risposto:

“Sono anche io appassionato di calcio e credo che tutti, anche i tifosi più accaniti, abbiano compreso la necessità di dover fermare tutto. Il ministro Spadafora da domani si metterà nuovamente in contatto con tutte le figure di riferimento del mondo calcio per delineare una soluzione condivisa, che abbiamo per altro già delineato in gran parte. In seguito si valuterà se ci saranno le condizioni per completare i campionati che sono stati sospesi. Tutto questo nel rispetto della salute degli atleti e di tutti coloro i quali lavorano in questo ambito”.

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 784 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo

Avatar