fbpx

Calciomercato, FIFA: “Non possiamo prorogare d’ufficio i contratti in scadenza”

Ripartire e modificare i calendari sforando anche le naturali stagioni dei campionati. È questo l’input che tutti i massimi tornei europei e non solo hanno ricevuto dalla FIFA e dalla UEFA. Ma, ovviamente, resta ancora da definire il discorso dei contratti in scadenza il 30 giugno o degli accordi di prestito e, quindi, come i giocatori che si trovino in questa situazione possano completare la stagione oltre quella data.

Una risposta ha provato a darla Emilio Garcia SIlvero, direttore legale della FIFA, che intervistato da Cadena Cope e riportato da Calciomercato.comha specificato che:

“La FIFA non può prorogare d’ufficio i contratti oltre il 30 giugno, ma le finestre di trasferimento non saranno le stesse e i giocatori non potranno essere tesserati. Di fatto il 1 luglio non si aprirà il mercato. Se una cessione si conclude il 30 giugno teoricamente il giocatore dovrebbe tornare al suo club di origine, però la finestra di tesseramento non sarà aperta, quindi l’affare non verrebbe elaborato. L’idea che abbiamo è che le finestre finiscano poco prima dell’inizio del campionato e che non coincidano con esso”.