fbpx

Il Premier Conte: “Tutta Italia zona protetta. La Serie A è sospesa, non c’è ragione di continuare”

Queste le parole del Premier, Giuseppe Conte nel corso della conferenza stampa straordinaria convocata pochi minuti fa:

“Abbiamo adottato una nuova decisione come Governo, su un presupposto: siamo ben consapevole di quanto sia difficile cambiare le nostre abitudini, lo sto provando io stesso. Capisco le famiglie, i giovani che vanno nei centri commerciali, a riempire i bar, a fare l’aperitivo. Sono abitudini che ragionevolmente con il tempo potranno essere modificate e adattate alle nostre esigenze. Ma tempo non ce n’è, i contagi stanno aumentando, anche le persone in terapia intensiva e anche le persone decedute. Ai loro cari va la vicinanza nostra, del Governo. Le nostre abitudini vanno cambiate ora, dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia, e parlo dei nostri cari, dei nostri genitori, dei nostri nonni. E dobbiamo farlo subito, tutti insieme. Per questo ho deciso di adottare misure ancora più forti, stringenti, per riuscire a contenere l’avanzata del coronavirus e tutelare la salute dei nostri concittadini, tutelando anche altri interessi. Ma se la salute dei cittadini è un bene messo a repentaglio, dobbiamo sacrificare qualcosa. Sto per firmare un provvedimento: io resto a casa, non ci sarà più una zona rossa, la zona 1 o zona 2 della penisola, ci sarà un’Italia zona protetta. Evitare gli spostamenti, a meno che siano motivati: comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità o per motivi di salute. Aggiungiamo anche un divieto degli assembramenti all’aperto in locali aperti al pubblico. Sono costretto a intervenire in modo ancora più deciso per proteggere tutti noi e le persone più fragili. Ognuno deve fare la propria parte: per questo varranno su tutta la penisola le regole predisposte per la Lombardia e il Nord Italia. Non c’è ragione per cui proseguano le manifestazioni sportive, penso al campionato di calcio. Tutti, anche i tifosi, devono prenderne atto. Non consentiremo neanche che possano essere utilizzate le palestre. Tutto entrerà in vigore domattina”.