“Gare a porte chiuse? Rimborsate biglietti e abbonamenti”: il comunicato del Codacons

Mentre è in corso il Consiglio Straordinario della Lega Serie A in merito all’emergenza Coronavirus e alle misure da adottare per il massimo campionato di calcio italiano, il Codacons, l’associazione che tutela i consumatori, è pronta ad avviare una battaglia legale contro i club nel caso in cui prevalga la linea del giocare le prossime partite a porte chiuse.

Di seguito il comunicato diramato:

Mentre si fa sempre più concreta la possibilità di disputare, almeno per un mese, tutte le partite di calcio a porte chiuse, il Codacons lancia un monito alle società sportive: tutti i biglietti e gli abbonamenti allo stadio andranno rimborsati ai tifosi, o scatterà una maxi-class action a tutela dei diritti degli utenti.

“E’ evidente che, in caso di limitazioni al pubblico per gli incontri calcistici, chi ha in mano biglietti e abbonamenti ha diritto al rimborso, al pari di quanto sta avvenendo per biglietti aerei e pacchetti vacanza non usufruiti a casa del coronavirus – afferma il presidente Carlo Rienzi – In particolare le società dovranno restituire agli utenti la parte di abbonamento allo stadio non goduta, proporzionale al numero di partite disputate a porte chiuse, e rimborsare integralmente i singoli biglietti, considerato che a fronte di un pagamento da parte dei consumatori non sarà resa la controprestazione oggetto del contratto”.

“Se le società calcistiche rifiuteranno di disporre rimborsi in favore dei tifosi, scatterà nei loro confronti una maxi-class action promossa dal Codacons per conto di migliaia di utenti danneggiati nei loro diritti fondamentali” – conclude Rienzi.