LE PAGELLE – Lazio-Bologna: vittoria e testa della classifica. Strakosha salva, Milinkovic e Luis Alberto superlativi

STRAKOSHA 7,5 Autentico miracolo su Soriano al 20′. Sulla ripartenza la Lazio raddoppia. Ne compie un altro all’inizio del secondo tempo. E poi ancora sul colpo di testa di Denswil, sugli sviluppi di un calcio d’angolo (sulla ribattuta ulteriore l’arbitro annullerà un gol al Bologna per fallo di mano). Si ripete in uscita, al 75′, su Palacio.

PATRIC 7 Interviene in maniera decisiva in alcune situazioni piuttosto intricate salvando la propria porta. Cresce a vista d’occhio e non può più essere rilegato ad una semplice sorpresa di questa squadra.

LUIZ FELIPE 6,5 Non è Acerbi, e si vede. Ma fa la sua onesta partita, difendendo e giocando con una buona personalità al centro della difesa biancoceleste.

RADU 6,5 300 partite in Serie A, con la maglia della Lazio, per Stefan. Si sacrifica su una ripartenza del Bologna, all’80’, e si becca il cartellino giallo. Festeggia con una buonissima prestazione, i tre punti e la testa della classifica.

LAZZARI 6,5 Corre molto sulla fascia di competenza, ma viene cercato poco dai compagni. Si propone un paio di volte in posizione avanzata, ma le azioni non si concretizzano al meglio. Sul finale le sue ripartenze risultano preziosissime.

MILINKOVIC 8 Disegna calcio in mezzo al campo e supporta i suoi compagni sia in fase difensiva che in fase d’impostazione. Un extraterrestre rispetto agli avversari.

LEIVA 7 Ogni volta che tocca un pallone, sembra tutto facile. Raddoppia, ringhia, recupera e fa ripartire la squadra. E’ ovunque.

LUIS ALBERTO 8 Rasoiata da fuori area al 18′, e Lazio in vantaggio. Assist per Correa che firma il raddoppio. Gioca in maniera deliziosa, servendo i propri compagni e regalando magie a profusione. E  tutto questo, tra l’altro, non al meglio per un problema all’inguine che lo infastidisce fin dai primi minuti della partita. Esce al 60′, sostituito da Parolo.

PAROLO (dal 60′) 6,5 Indomito lottatore in mezzo al campo, entra nel secondo tempo e gioca la solita partita di sacrificio.

JONY 6,5 Partita di personalità dello spagnolo, che è autore di una prestazione molto positiva.

CORREA 6 Si mangia un gol praticamente già fatto dopo pochi minuti dal fischio d’inizio. Replica al quarto d’ora su imbucata di Immobile. Trova finalmente la rete al 20′ su assist di Luis Alberto e con la complicità di Danilo. Scompare alla distanza ed esce al 74 per far posto a Cataldi.

CATALDI (dal 74′) 6,5 In un momento di difficoltà della Lazio, contribuisce a mettere ordine a centrocampo, proponendosi anche in fase offensiva.

IMMOBILE 6,5 Al decimo minuto, su assist di Luis Alberto, in diagonale allarga troppo e spreca un’occasione ghiottissima. Serve l’assist per Luis Alberto, ma nel secondo tempo sbaglia un altro pallonetto, che poteva valere il 3 a 0 biancoceleste. Arretra un po’ il baricentro a supporto dei compagni e contribuisce al risultato della squadra. Esce all’83’ per Caicedo.

CAICEDO (dall’83’) 6,5 Entra e porta a termine il suo compito, facendo a sportellate con gli avversari per far salire la squadra e creare qualche altra opportunità.

INZAGHI 8 Vittoria sofferta della sua Lazio, che ottiene i tre punti contro una squadra molto ostica e si prende la vetta della classifica di Serie A. E tutto questo è senza dubbio merito suo e del suo staff.

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 799 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo

Avatar