Lazio-Bologna, Inzaghi in conferenza stampa: “Ci attende una gara scomoda. Festeggiare al Marassi è stato bellissimo”

Alla vigilia del match con il Bologna, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dal Centro Sportivo di Formello:

“Mi ero espresso sulla questione Coronavirus dopo la gara di Genova, giocare in stadi chiusi è strano ma le autorità competenti stanno effettuando le opportune valutazioni: dobbiamo adeguarci. C’è un problema e va risolto il prima possibile.

Ci attende una gara scomoda contro un’avversaria che ha 34 punti, ha avuto molte defezioni di calciatori importanti, i rossoblù nell’ultimo periodo hanno fatto bene in trasferta: sarà una gara difficile.

Non è stata una settimana semplice, domani avremo qualche defezione: non ci saranno Acerbi e Lulic e lo sapevamo, Marusic potrebbe non essere della gara per un indolenzimento, in questo momento era molto utile per quello che stava facendo, valuteremo oggi il suo status ma non ci assumeremo rischi eccessivi. Ho discrete sensazioni per Jony e Milinkovic, vedremo dopo l’allenamento di oggi come sta Immobile che nei giorni scorsi ha avuto qualche linea di febbre. Caicedo sta bene, manca la seduta di oggi: è a disposizione, si è sottoposto ad un controllo programmato.

Vavro al Ferraris ha disputato un’ottima gara: si è meritato la chance per come si è allenato nelle ultime settimane. Complimenti a lui, Marassi è uno stadio particolare, se l’è cavata bene.

Juventus-Inter? Mi auguro possa essere una partita divertente per i telespettatori. Sono squadre abituate a gestire la pressione, prima però dovremo pensare a noi. Sono concentrato solo al Bologna, sarà un test importante per tutti noi. Abbiamo visto cosa hanno saputo fare i felsinei qui all’Olimpico qualche settimana fa, avremo una grande spinta dai nostri tifosi.

Ero sicuro che avrei ritrovato Mihajlovic: è un collega ma soprattutto un amico. Abbiamo condiviso tanti momenti qui insieme, ci sentiamo spesso, abbiamo amici in comune, incontro spesso la moglie ed i figli in giro per Roma. So cosa Sinisa può dare alle sue squadre: i felsinei verranno a Roma per fare la loro partita, servirà una grande prestazione a livello mentale.

Siamo reduci da una lunghissima serie di risultati positivi ma nel calcio i giudizi cambiano rapidamente. Abbiamo vinto tre trofei in questi anni, l’atmosfera intorno al campo è sempre elettrizzante. Festeggiare a Marassi con tutti i nostri tifosi presenti in trasferta è stato bellissimo.

Siamo in un’ottima posizione di classifica da oltre due mesi, dobbiamo continuare così. Domani avremo di fronte un avversario molto ostico.

Ad inizio stagione abbiamo giocato tanto, in questa seconda parte invece si è presentato qualche infortunio di troppo. Ho sempre avuto fiducia sugli uomini a mia disposizione.

Da quando è venuto a mancare Lulic, abbiamo perso fisicità e l’abbiamo acquisita con l’impiego di Marusic sulla corsia destra. Lukaku non ha saltato una seduta in questa settimana, speriamo che la sua condizione possa migliorare: in questo momento non può ancora giocare gli interi 90 minuti, potrebbe rappresentare un’opzione a gara in corso.

Abbiamo più opzioni per la difesa: Vavro può prendere il posto di Acerbi come a Genova, può agire in quel ruolo anche Luiz Felipe. Il Bologna ha qualità e quantità dalla metà campo in su, anche Bastos e Patric possono rappresentare pedine importanti.

La Società si occupa di vicende relative al calendario: certamente un paio di giorni in più possono aiutare il recupero di Acerbi o altri giocatori”.

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 795 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo

Avatar