fbpx

ESCLUSIVA | Fabio Poli a NoiBiancocelesti: “Con un gruppo unito come il nostro e come quello di oggi, si possono fare cose straordinare”

A poche ore dai festeggiamenti per i 120 anni della prima squadra della capitale, noi di NoiBiancocelesti abbiamo avuto la fortuna di poter intervistare ai nostri microfoni uno degli eroi della storia laziale. Fabio Poli. Queste le nostre battute sulla Lazio del passato e del presente, con un augurio finale da parte del ex-biancoceleste, per quanto riguarda il futuro:

-I laziali la portano nel cuore da 33 anni e sarà cosi per sempre, senza ombra di dubbio. A testimonianza di ciò il premio con cui è stato insignito oggi. Come la fa sentire questo?

“Io credo di essere una persona fortunata ad aver fatto parte di quella squadra. Tante volte vengo ricordato solo io per quel gol, ma tutta la squadra si sente orgogliosa di aver fatto parte di questa società, che dopo 33 anni ci fa passare una giornata fantastica a Roma insieme ai tifosi. Sono veramente orglioso. cosi come lo sono i miei compagni.”

-Parlando di tifosi: oggi la Lazio festeggia i 120 anni, festeggia una storia intrisa di amore e di tifo. Le chiediamo dunque: quanto può essere importante oggi la spinta dei tifosi biancocelesti e quanto lo è stata per voi in quegli anni non particolarmente facili?

“Per noi i tifosi sono stati importantissimi. Mi ricordo che allo spareggio con il Vicenza c’erano 70.000 persone. Un numero che oggi allo Stadio Olimpico si ripete poco, ma sarebbe giusto che tornasse, perchè la Lazio di oggi fa davvero divertire.”

-C’è qualcosa in questa Lazio che le ricorda qualcos’altro di quella con cui ha giocato lei? quantomeno nella mentalità e nella voglia di non arrendersi mai.

“Qualcosa c’è: in ogni squadra vincente e che ottiene risultati qualcosa di simile c’è. Per esempio il gruppo che si è consolidato in questa Lazio, l’allenatore che è eccezionale, e che è riuscito a dare concretezza e consapevolezza a questa squadra, creando un gruppo unito. Con un gruppo del genere si può vincere e si possono fare cose straordinare. Ecco in questa sintonia di gruppo vedo una similitudine tra noi e loro. A livello di qualità, invece, credo che la squadra di oggi sia di gran lunga superiore”

– Per concludere, cosa si sente di augurare, sulla soglia di questo nuovo decennio ai tifosi biancocelesti e alla squadra?

“Come tutti i tifosi della Lazio mi auguro le migliori soddisfazioni. Adesso stiamo vivendo un bel momento, e se la squadra rimane umile, concentrata e concreta come  adesso, credo che riuscirà a togliersi tante soddisfazioni”

 

Andrea Solazzi

Nato a Roma il 6 Luglio del 1998. Attualmente studente di filosofia e aspirante giornalista. Sono quell'amico che puoi svegliare nel cuore della notte per parlare del potenziale inespresso di Meghni.

Andrea Solazzi ha 282 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Andrea Solazzi

Avatar