Lazio-Juventus, Sarri in conferenza: “Sarà una partita difficile. La Lazio? Può inserirsi per lo scudetto”

Allo Stadio Olimpico di Roma, domani alle 20:45, scenderanno in campo Lazio e Juventus. In merito alla gara il tecnico bianconero Maurizio Sarri, è intervenuto dalla sala stampa dell’Allianz Stadium, rilasciando queste dichiarazioni:

Classifica – “I punti sono tutti importanti, tutte le partite hanno la stessa importanza.  Ma in  questo momento della stagione non è ancora decisivo. È un turno importante con livello di difficoltà elevato per tutte le squadra di alta classifica. Sono punti pesanti.”

Inter  – “Il sorpasso? Spero che sia un grande stimolo per noi avere una squadra davanti”

Bernardeschi – “È un ragazzo molto sensibile, si nota anche nella differenza di sicurezza che ha in trasferta rispetto alle partite di casa. Evidentemente i fischi dello Stadium gli stanno pesando. Ma per noi è un giocatore importante, non deve farsi influenzare da niente e nessuno. Il mio compito adesso è quello di accompagnarlo.”

Infortuni – “Sicuramente non sono contento. Ma è inevitabile che ci siano questi momenti nella stagione. Rabiot sta meglio e da 2-3 giorni si allena in gruppo. È stato fermo 15-20 giorni e deve recuperarare la migliore condizione.”

Tridente – “Senza Douglas Costa è più difficile pensarci. Il momento di grazia di Dybala è un altro dei motivi per cui abbiamo scelto il 4-3-1-2. Per le caratteristiche dei giocatori che abbiamo ora è più facile adottare questo modulo.”

Lazio – Domani mi aspetto un approccio violento della Lazio, una squadra in grande forma. Ha un rendimento da scudetto, non mi sorprenderebbe vederla in lotta per il primo posto fino alla fine del campionato. I biancocelesti saranno spinti dal proprio pubblico, dovremo essere bravi a gestirli. Sono forti, hanno qualità in ogni zona del campo, con giocatori in grado di mettere gli attaccanti davanti al portiere in ogni momento. Dovremo limitare i loro tanti pregi. Sono fiducioso, gli ultimi allenamenti mi hanno convinto.Mi aspetto un approccio violento da parte loro. Sono in fiducia e in casa hanno una media di tre gol a partita. Ci sarà da reggere l’impatto e poi provare a prendere in mano la partita, tenendoli lontani dall’area. Hanno fatto 18 punti nelle ultime sei partite. Scudetto? Potrebbe essere la squadra capace di inserirsi.”