fbpx

TATTICAMENTE PARLANDO: Analisi tecnico tattica dei gol realizzati in Sassuolo-Lazio

Torna la nostra consueta rubrica “Tatticamente Parlando”. Quest’oggi analizzeremo le reti messe a segno in occasione della sfida di domenica, al Mapei Stadium di Reggio Emilia, tra il Sassuolo e la Lazio.

GOL LAZIO 0 – 1 (IMMOBILE)
Il vantaggio della Lazio nasce da una costruzione bassa. La contrapposizione del Sassuolo limita le giocate di Lucas Leiva in costruzione e l’alternativa la offre Luis Alberto dando appoggio ai 3 difensori. Riceve e serve Correa in zona di rifinitura, palla al piede, punta la linea difensiva del Sassuolo che scappa verso la sua porta a coprire la profondità. Confermando il principio che UN DIFENSORE più COPRE meno MARCA, Immobile con il suo movimento fuori linea si trova completamente libero, riceve al limite dell’area di rigore e, portandosi la palla sul destro, conclude rasoterra realizzando l’1 a 0.

GOL SASSUOLO 1 – 1 (CAPUTO)
Il pareggio del Sassuolo arriva sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La Lazio si difende con una mista Uomo – Zona portando tutti i suoi giocatori all’interno dell’area di rigore. Il Sassuolo attacca con 5 uomini in area e 2 al limite. Il calcio d’angolo viene battuto da Djuricic da sinistra a rientrare. La traiettoria è indirizzata verso il blocco composto da 3 giocatori del Sassuolo in zona dischetto. La palla viene toccata da Peluso e indirizzata sul secondo palo. Caputo si muove alle spalle di Immobile e riesce a deviare in porta.

GOL LAZIO 1 – 2 (CAICEDO)
Il gol della vittoria lo realizza Caicedo. Luis Alberto sulla tre quarti campo conduce palla, il difensore del Sassuolo Romagna esce in pressione sul portatore di palla ma assume una presa di posizione inefficiente, senza riuscire ad intercettare il pallone destinato a Caicedo. Un doppio scambio su brevi distanze porta Caicedo in area di rigore al duello 1 contro 1 dorsale con Magnanelli. E’ abile a proteggere la palla e a farla sfilare verso il dischetto di rigore. Si trova la palla sul destro e conclude mandando in rete, vanificando anche il tentativo di intercetto in scivolata da parte dei difensori neroverde.

Claudio Mele

Allenatore Uefa A (Coverciano 2017) e Video Analista (Coverciano 2013) Classe 1984, nato a Taranto - Laureato in Infermieristica. Dal 2001 nella figura di Istruttore ed allenatore in tutte le categorie provinciali, regionali e nazionali. Responsabile Tecnico del Settore Giovanile della Viterbese (2014/2015 - 2015/2016) Collaboratore tecnico nello Staff di Mr. Cornacchini, Mr. Pagliari, Mr. Nofri, Mr. Puccica, Mr. Sottili Vice Allenatore in Serie C di Mister Nofri (Viterbese 2017/2018) 3 Panchine in Serie C (Viterbese – Lupa Roma 1 a 0, Piacenza – Viterbese 0 a 1, Viterbese – Siena 1 a 3)

Claudio Mele ha 12 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Claudio Mele

Claudio Mele