fbpx

Due gol per sette gare di fila: solo la Lazio di Silvio Piola (1936-37) è riuscita a fare meglio

Nel 1936/37 nella Lazio c’era un certo Silvio Piola. Oggi c’è un certo Ciro Immobile. Nel 1936/37 la squadra biancoceleste segnava a raffica, grazie al re del gol di tutti i tempi. Oggi continua a farlo, con l’attuale attaccante italiano più forte in circolazione.

Come ricorda l’edizione odierna del Corriere dello Sport, in quella stessa stagione, agli inizi del novecento, la formazione capitolina era guidata da Jozsef Viola, ed in quel determinato campionato iniziò a segnare il 29 novembre (2-2 contro il Torino), andando avanti per ben 8 partite consecutive. La serie si interruppe con la sconfitta, di misura, contro la Triestina. Ma fino a quel momento la Lazio aveva segnato almeno due gol a partita. Al termine della stagione quella squadra chiuse al secondo posto in classifica (39 punti in 30 partite e 59 gol all’attivo).

Quest’anno la Lazio di Simone Inzaghi ha iniziato questa particolare serie di partite consecutive con almeno due gol all’attivo in occasione della sfida casalinga con il Genoa (4-0) dello scorso 29 settembre e ha continuato a farlo fino all’ultimo turno di campionato fino ad ora disputato, cioè contro il Lecce (4-2). E al momento sono 7 le partite di fila. Una serie che potrebbe addirittura incrementarsi in occasione della trasferta contro il Sassuolo di domani pomeriggio. Andando ad eguagliare (se non addirittura a migliorare, visto il calendario) il primato di quella stessa Lazio di ben 83 anni fa.

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 894 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo