fbpx

Lazio, per Lulic futuro in bilico: rinnovo o ritorno in Svizzera?

La fascia da capitano al braccio come simbolo della sua importanza e del suo essere leader. Senad Lulic è, nonostante gli anni che passano, un pilastro della Lazio di Simone Inzaghi. D’altronde dal mercato non è mai arrivata quella pedina in grado di non far rimpiangere il bosniaco. Ora però, a 33 anni, il suo futuro è a un bivio. Il suo contratto con i biancocelesti infatti scadrà nel giugno del 2020.

Lulic, dubbi sul futuro

Dopo 9 anni in biancoceleste, l’ipotesi di un addio non è del tutto da scartare. Il buon Senad, come riportato e rivelato dall’edizione odierna de ‘Il Corriere dello Sport’, starebbe pensando a un ritorno in Svizzera, Paese in cui Lulic ha già giocato e in cui già si è trasferita la sua famiglia. I tanti corteggiamenti potrebbero convincere il capitano biancoceleste. Dall’altra parte però c’è il grande affetto di una piazza che lo ha eletto a beniamino, soprattutto dopo quel gol del 26 maggio. Insomma, una decisione sarà presa soltanto a fine stagione, quando un colloquio tra il calciatore e la società potrebbe chiarire tutti i dubbi. E chissà che la qualificazione alla prossima Champions League non possa far pendere la bilancia dalla parte della Lazio. Il campo d’altronde ha sempre fatto la differenza.

Leggi anche -> Lazio, il futuro di Marco Parolo

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 6004 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione