fbpx

Lazio-Atalanta, Patric: “Alla fine abbiamo pareggiato, ma credo che avremmo potuto anche vincere”

Nel post partita di Lazio-Atalanta, anche Patric Gabarron è intervenuto ai microfoni del canale tematico biancoceleste. Queste le sue parole sulla gara di oggi:

LA GARA- “penso che nel secondo tempo abbiamo approcciato diversamente la partita. Nel primo tempo abbiamo corso tanto, con tanta volontà, ma male. Se non corri bene una squadra come loro, poi, ti crea delle difficoltà, infatti eravamo 0-3. Nel secondo tempo oltre all’impegno e uscita fuori la voglia di rimontare. Abbiamo utilizzato più la testa del cuore e con intelligenza siamo riusciti a trovare tante occasioni da gol”

IL SUO MOMENTO ALLA LAZIO “con il mister ho un buon rapporto, poi lui fa le scelte. Lui però mi ha sempre dimostrato che sono un giocatore importante, anche se non sembra. Anche se non gioco tanto come vorrei, io sono sempre disponibile e contento quando entro in campo. Sono sempre motivato, sento che i miei compagni e lo staff mi vogliono bene. Sono qui da 5 anni e ho vinto due titoli. sono sempre qui, sempre sul pezzo, penso che la gente mi voglia bene, anche se nessuno me lo dice. Sono felice qui.”

LE PAROLE DI INZAGHI- “non ho sentito cosa ha detto il mister negli spogliatoi. Lo conosco, sicuramente avrà spinto la squadra, avrà detto di non mollare e di dimenticare il primo tempo.”

SUL RUOLO IN CAMPO- “mi sento più comodo quando devo costruire. Non sono proprio un difensore, ma cerco di adattarmi, non è un problema.”

L’AVVERSARIO- “Loro hanno tanti giocatori bravi, ma non avevamo paura. Sapevamo di dover rischiare qualcosa in più per trovare il gol e per poter vincere la partita. Alla fine abbiamo pareggiato, ma penso che avremmo potuto anche vincere.”

 

Andrea Solazzi

Nato a Roma il 6 Luglio del 1998. Attualmente studente di filosofia e aspirante giornalista. Sono quell'amico che puoi svegliare nel cuore della notte per parlare del potenziale inespresso di Meghni.

Andrea Solazzi ha 301 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Andrea Solazzi