fbpx

Lazio-Atalanta, arbitra Rocchi: regna l’equlibrio, ma alcuni episodi fanno tremare i biancocelesti. E con Acerbi…

La designazione arbitrale per l’ottava giornata di Serie A ha assegnato la gara Lazio-Atalanta, in programma per il prossimo 19 ottobre allo Stadio Olimpico di Roma, al signor Gianluca Rocchi della sezione di Firenze. Gli assistenti saranno Tegoni e Tolfo. Il IV uomo, Manganiello. Al V.A.R. ci sarà Guida e all’A.V.A.R., Carbone.

BILANCIO IN EQUILIBRIO

Il direttore di gara toscano ha avuto modo di dirigere la formazione biancoceleste in 43 occasioni complessive. In occasione di questi incontri la Lazio ha raccolto il risultato pieno in 17 circostanze a fronte di 8 pareggi e di 18 sconfitte. L’ultima direzione dell’arbitro toscano in un match della formazione capitolina risale alla sfida in trasferta, in quel di Genova, contro la Sampdoria valida per la prima giornata dell’attuale campionato, che si è conclusa con la vittoria della squadra guidata da Simone Inzaghi per 3 a 0.

Situazione più o meno simile per quanto riguarda gli orobici: l’Atalanta infatti, in occasione delle 24 gare dirette dall’arbitro Rocchi, ha ottenuto 10 vittorie, 5 pareggi e 9 sconfitte. L’ultima partita dei nerazzurri con il fischietto toscano sul rettangolo di gioco risale allo scorso maggio del 2019, nel pareggio in trasferta, per 1 a 1, contro la Juventus.

I PRECEDENTI

Rocchi, inoltre, ha già diretto due incontri tra la Lazio e Atalanta. Il primo match risale al 6 maggio del 2012, giorno nel quale i biancocelesti sconfissero i bergamaschi per 2-0 in trasferta grazie alle reti di Kozak e Cana. Successivamente, l’arbitro di Firenze ha diretto anche l’incontro tra le due formazioni datato 13 dicembre 2014; in quest’ultima circostanza la Lazio si impose sugli orobici per 3-0 grazie ad una doppietta di Mauri e ad un gol di Lulic.

ACERBI… ED IL GOL DI CUTRONE

La Lazio e l’arbitro fiorentino non hanno, però, un rapporto proprio idilliaco. Molto spesso, anche nel recente passato, il suo arbitraggio, in occasione delle gare dei biancocelesti, è finito “sotto accusa”: basti ricordare, ad esempio, il gol del Milan segnato da Cutrone con il braccio, o il rigore negato a Milinkovic, nella stagione scorsa, sempre a Milano e sempre contro i rossoneri. Senza dimenticare, inoltre, che Francesco Acerbi riceve il secondo cartellino rosso della sua carriera (il primo con la maglia biancoceleste) proprio dall’arbitro Rocchi, in occasione di una più che discussa sfida contro il Napoli (persa per 2 a 1).

Daniele Caroleo

Giornalista pubblicista. Tifoso della Lazio. Mi piace lo sport (con una particolare predilezione per il calcio), scrivere e fotografare.

Daniele Caroleo ha 892 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Daniele Caroleo

Avatar