fbpx

ESCLUSIVA – Andrea Calogero (Dazn): “La forza del Rennes è il collettivo. Occhio a Camavinga”

Archiviata la vittoria in campionato con il Genoa, la Lazio è pronta a rituffarsi nella avventura in Europa League. Giovedì i biancocelesti ospiteranno il Rennes. E proprio per conoscere meglio la squadra francese, la redazione di ‘Noi Biancocelesti’, ha contattato Andrea Calogero, commentatore della Ligue 1 per ‘Dazn’.

Il Rennes era partito alla grande, conquistando tre vittorie nelle prime tre di campionato, ma poi si è un po’ perso. Cosa è successo alla squadra di Stéphan?

Probabilmente è successo quello che è capitato a tante squadre. Ha ritrovato i giocatori reduci da vacanze prolungate e ha dovuto reinserirli in un sistema che stava funzionando. Paradossalmente ha creato qualche problema di meccanismi, ma in via di risoluzione“.

La società si è lamentata, attraverso un comunicato, dei torti arbitrali subiti. Questi ultimi hanno davvero condizionato alcuni risultati?

Qualche errore arbitrale ha certamente condizionato l’ultimo mese, anche se il livello delle prestazioni è sempre rimasto medio-alto. Qualche punto probabilmente è stato perso per decisioni discutibili“.

I francesi arrivano comunque dal buon pari sul campo del Marsiglia. Che avversario dovrà aspettarsi la Lazio?

Un avversario che fa le cose per bene, che sa come difendere, soprattutto facendo densità nella zona centrale, che sa come ribaltare velocemente l’azione e che ha talento per pungere in ogni occasione“.

 Oltre a Niang, vecchia conoscenza della Serie A, quali sono i giocatori da temere?

Ci sono individualità senza dubbio, ma quello che colpisce più del Rennes è il collettivo. Sono tutti buoni giocatori, che remano nella stessa direzione“.

Sia Rennes che Lazio giocano di base con il 3-5-2. Ma quali sono le differenze tattiche tra i due schieramenti?

“Quello del Rennes assomiglia di più a un 5-3-2, soprattutto quando affronta squadre come la Lazio, che ha certamente più qualità in mezzo al campo”.

 Nella partita con il Genoa, la squadra di Inzaghi ha fatto la differenza alzando il ritmo. Pensi possa essere una strategia vincente e da adottare anche giovedì?

Sarà fondamentale il ritmo alto e la velocità di trasmissione del pallone. A ritmi bassi il Rennes sa coprire il campo benissimo“.

Ultima domanda. Il campionato francese è molto spesso considerato una fucina di talenti pronti a esplodere. Da commentatore, ti senti di indicare il nome di un giocatore, magari anche dello stesso Rennes, già pronto per il salto in un campionato?

Sicuramente il prospetto più interessante è Eduardo Camavinga, centrocampista del 2002 con fisico, tecnica e una personalità da veterano. È stato già eletto miglior giocatore del mese di agosto al primo mese di titolarità in Ligue 1“.

Gianpiero Farina

Sardo d'origine, romano d'adozione. Il giornalismo, soprattutto sportivo, e la Lazio le mie più grandi passioni. Cresciuto tra il mare e il mito di Juan Sebastian Veron, ho deciso di trasferirmi nella Capitale per provare a trasformare i miei sogni in realtà.

Gianpiero Farina ha 1840 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Gianpiero Farina

Avatar

Lascia un commento

Share via
Copy link
Powered by Social Snap