fbpx

Inter-Lazio, Inzaghi in conferenza: “Serviranno coraggio e personalità. Conte? Un grande allenatore”

Vero e proprio tour de force per la Lazio, che, dopo la vittoria di domenica contro il Parma, domani andrà a far visita all’Inter capolista. Ad analizzare il match contro i nerazzurri è stato l’allenatore dei biancocelesti Simone Inzaghi nella consueta conferenza stampa della vigilia. Queste le sue parole: “Domani sarà una partita impegnativa contro una squadra forte. Ne abbiamo giocate tante di queste sfide. Serviranno coraggio e personalità. Troveremo un ambiente molto carico. Dovremo essere bravi e cercare di essere lucidi“.

CRESCITA –Dobbiamo essere sempre umili e restare con i piedi per terra. Ero comunque sereno dopo le due sconfitte, ma ci serviva quel pizzico di cattiveria in più. I due ko sono stati motivo di analisi e sono convinto che ci aiuteranno a crescere“.

EPISODI –Avevamo deciso di fare due uscite differenti sulla difesa del Parma. Nelle cinque partite abbiamo messo sotto gli avversari dal punto di vista dei numeri. A volte però contano gli episodi. Penso ai pali che abbiamo preso, come quello di Caicedo a Ferrara. Dobbiamo scendere in campo molto concentrati. Solo così gli episodi vanno dalla tua parte“.

BIG MATCH –Sarà una partita importante. Giochiamo contro una squadra fortissima e che ha preso un grande allenatore. Noi però vogliamo dire la nostra e abbiamo le qualità per farlo“.

CONTE – “Il suo ritorno è stato molto importante. Lo stimo molto e ha dimostrato quanto vale. Dov’è stato ha sempre fatto bene. Ha fatto la gavetta e ora è in una grandissima squadra. Giochiamo con lo stesso modulo. Con lui parli molto volentieri di calcio“.

TURNOVER –Ho l’obbligo di utilizzare tutti i giocatori che ho a disposizione. Abbiamo sette partite in 21 giorni e io dovrò ragionare tenendo conto di questo. L’Inter ha avuto un giorno in più di riposo e sotto quest’aspetto è avvantaggiato. Io penserò a scegliere la formazione migliore“.

RAZZISMO –Certi episodi vanno condannati. Non possono esistere forme di razzismo come quelle accadute nelle ultime domeniche nei nostri stadi. Sono molto dispiaciuto di questo“.

DISPONIBILI –Non avrò Radu, che stamattina aveva la febbre. Tutti gli altri saranno convocati, ma devo vedere come stanno, visto che abbiamo giocato due giorni fa. Sicuramente cambierò qualcosa e farò delle valutazioni. Immobile? Si era già scusato a fine partita. Ieri si è scusato con compagni e società ed è tutto chiarito. Per fare quel caso in più la squadra deve venire prima dei singoli. Ciro comunque aveva già capito di aver sbagliato”.

AVVERSARIO –L’Inter di Conte è diversa da quella di Spalletti dal punto di vista del modulo e dei concetti. Ho visto qualche partita e posso dire che è una squadra costruita e allenata bene. Scudetto? Può dire la sua sino alla fine. Noi dobbiamo giocarcela con coraggio e consapevolezza dei nostri mezzi“.

 

 

Gianpiero Farina

Sardo d'origine, romano d'adozione. Il giornalismo, soprattutto sportivo, e la Lazio le mie più grandi passioni. Cresciuto tra il mare e il mito di Juan Sebastian Veron, ho deciso di trasferirmi nella Capitale per provare a trasformare i miei sogni in realtà.

Gianpiero Farina ha 1812 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Gianpiero Farina