fbpx
Foto Fabrizio Corradetti / LaPresse 02 marzo 2019 Roma, Italia Sport Calcio Lazio vs Roma - Campionato di calcio Serie A TIM 2018/2019 - stadio Olimpico. Nella foto: Esultanza di Danilo Cataldi Photo Fabrizio Corradetti / LaPresse March 02 st 2019 Rome, Italy Sport Soccer Lazio vs Roma - Italian Football Championship League A TIM 2018/2019 - Olimpico stadium. In the pic: Danilo Cataldi celebrates 3-0

Danilo Cataldi: “C’è la consapevolezza di essere una squadra forte”

Al termine dell’amichevole vinta contro il Paderborn, Danilo Cataldi, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, parlando della partita e del campionato che inizierà a fine mese:

LA PARTITA- “I primi quindici minuti eravamo parecchio “imbambolati”, ieri abbiamo viaggiato molto, e siamo rientrati tardi. Normale un po’ di stanchezza. L’importante è stato trovare subito il gol, e sono cambiate un po’ le cose, siamo riusciti a far girare meglio la palla e poi sono arrivati gli altri due prima della fine del primo tempo. È stata una buona prova contro una squadra che gioca bene, una partita molto più tattica rispetto a quella di ieri. Siamo a buon punto, dobbiamo continuare a lavorare cosi per farci trovare pronti per le prime giornate di campionato”

LA SQUADRA- “C’è consapevolezza di essere una squadra forte, una squadra larga capace di fare bene in tutte le competizioni. Abbiamo una rosa importante. Ieri sono stato piacevolmente sorpreso anche a livello fisico. Mi aspettavo un calo, soprattutto nel secondo tempo, invece abbiamo tenuto bene il campo. Oggi abbiamo sofferto un po’, ma ce l’abbiamo fatta, sono indicazioni importanti. Ora dobbiamo continuare a lavorare, cercando di fare sempre meglio in vista dei prossimi impegni”

LE CONDIZIONI FISICHE- “Non è facile gestire certi carichi di lavoro e poi affrontare partite come questa, che comunque sono partite in cui ci confrontiamo con squadre di massima serie. In questa fase di pre-campionato bisogna lavorare tanto in allenamento, e ci si sottopone a dei carichi aggiuntivi in vista dei vari impegni. Alcuni errori sono giustificabili appunto per questo. Ma se devo rimarcare qualcosa, ci tengo a sottolineare l’atteggiamento mentale più che la condizione fisica. Credo che in queste due partite l’atteggiamento sia stato davvero importante, e di questo sono molto contento.”

I NUOVI- “Si devono abituare al nostro modo di giocare, però sono sicuramente ragazzi di qualità. Sono contento del loro arrivo, spero che capiscano al più presto questi piccoli meccanismi, ma sono certo che lo faranno e che ci daranno una grande mano.”

 

 

 

Andrea Solazzi

Nato a Roma il 6 Luglio del 1998. Attualmente studente di filosofia e aspirante giornalista. Sono quell'amico che puoi svegliare nel cuore della notte per parlare del potenziale inespresso di Meghni.

Andrea Solazzi ha 301 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Andrea Solazzi