Lazio, la metamorfosi di Correa: da riserva ad arma letale

Non è freddo sotto porta. Per molti mesi è stata questa la principale critica rivolta a Joaquin Correa. L’argentino però, dopo i primi mesi di ambientamento e tanta panchina, si è pian piano preso la scena. La svolta definitiva è arrivata nel mese di dicembre, quando Inzaghi è passato alla tanto amata formula fantasia. L’ex Siviglia è diventato una sorta di titolare inamovibile, mettendo in mostra tutte le sue qualità.

GOL DECISIVI – Come evidenziato dall’edizione odierna de ‘Il Corriere dello Sport’, il rapporto con il gol ha continuato comunque a essere conflittuale. Nell’ultimo mese però il buon Joaquin ha trovato lucidità anche in zona offensiva. A dimostrarlo quelle due reti in Coppa Italia contro Milan in semifinale e Atalanta in finale, che sono valse un pezzo di trofeo. Correa si è preso la Lazio, diventandone l’arma letale. La prossima stagione dovrà servire per confermare questa metamorfosi. E per crescere insieme.

Gianpiero Farina

Sardo d'origine, romano d'adozione. Il giornalismo, soprattutto sportivo, e la Lazio le mie più grandi passioni. Cresciuto tra il mare e il mito di Juan Sebastian Veron, ho deciso di trasferirmi nella Capitale per provare a trasformare i miei sogni in realtà.

Gianpiero Farina ha 1814 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Gianpiero Farina

Avatar

Lascia un commento

Share via
Copy link
Powered by Social Snap