fbpx

De Martino: “La finale sarà un grande evento. Serve equilibrio”

Il responsabile ufficio stampa della Lazio Stefano De Martino ha detto la sua in vista della finale di Coppa Italia del 15 maggio. Queste le sue parole, rilasciate ai microfoni di ‘Lazio Style Channel’: “Ci stiamo avvicinando alla finale, ma prima ci sarà la gara con il Cagliari. Siamo reduci da una sconfitta fastidiosa, perché ha chiuso il discorso dell’obiettivo stagionale, ovvero quello della Champions League. Questo aspetto non deve assolutamente entrare in contrasto con il grande traguardo che è già stato centrato, ovvero la finale di TIM Cup. In società stavamo vedendo cosa ha conseguito la Lazio negli ultimi anni e, a tal proposito, si sta preparando uno speciale che andrà su Lazio Style Channel. Ci stiamo dimenticato un pochino l’importanza dell’ultimo atto della TIM Cup. Abbiamo rivisto le immagini delle ultime finali disputate e dei quattro trofei conseguiti. La Juventus detta legge in campionato, complici anche i numeri registrati dal club bianconero nel mondo, ma la Lazio, dal canto suo, ha compiuto qualcosa da stropicciarsi gli occhi”. 

FINALE – “Dobbiamo fare i conti con una sconfitta con l’Atalanta, una delle squadre che gioca il miglior calcio in assoluto insieme ai biancocelesti. Ci siamo complicati la vita con errori individuali, ma la partita è stata complessivamente bella da vedere. Per la finale registreremo numeri record all’estero. Stiamo trasmettendo delle nostre immagini a emittenti straniere, affinché vengano inserite all’interno di telegiornali, soprattutto nei Paesi che trasmetteranno la finale in diretta. Le nostre immagini faranno il giro del mondo. Vogliamo arrivare anche negli altri Paesi con l’immagine della nostra aquila e con un meccanismo di comunicazione che ci porti ad un ottimo risultato. La gara sarà giocata colpo su colpo. Aggiungo che dobbiamo arrivare alla finale passando per una partita a Cagliari che, come ha detto Inzaghi, dovremo giocare al meglio per raggiungere l’Europa League dal campionato. Nelle ultime tre giornate la Lazio dovrà necessariamente portare a casa tre vittorie, perché l’obiettivo è diventato quello di restare in Europa. Non si può pensare ad una Lazio fuori dalle competizioni continentali. Sarebbe estremamente negativo per il blasone e per quello che rappresenta il club”.

EQUILIBRIO – “La società sta lavorando al meglio con tutto il suo organigramma. Penso che sia necessario avere equilibrio, sia nei momenti di gioia che in quelli più negativi. Quando c’è un risultato positivo va equamente distribuito ad ogni membro del club, così come quando si perde. Questo è un gioco di un certo tipo di stampa, pronta a puntare il dito sulla proprietà. Dobbiamo guardare al nostro percorso e al nostro cammino, arrivando alla nostra finale con un atteggiamento positivo. Non ci dobbiamo far condizionare da polemiche ed analisi. L’atteggiamento mentale di chi è con la squadra può aiutare la formazione di Simone Inzaghi. La possibilità di avere o meno il tifo al fianco del gruppo è condizionante. Dobbiamo accompagnare i ragazzi in questi giorni a un appuntamento importante. È necessario arrivare alla finale a testa alta”.

IMPORTANZA – “Dobbiamo vivere insieme questa giornata per disputare una finale importante. Alla vigilia dell’ultimo atto di TIM Cup saremo accolti dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per sottolineare quanto è importante questa Coppa, che è dell’Italia. Noi saremo ancora protagonisti. Si sono registrati degli stop inspiegabili durante il campionato, nonostante si sia giocato un gran calcio e nonostante si siano vinte grandi gare come il derby. Nessuno si aspettava che la Lazio potesse vincere a Milano contro il Milan in un campo che è sempre stato ostico alla formazione biancoceleste. Quando si raggiunge una finale una stagione non può essere definita fallimentare. La Coppa Italia viene onorata da ogni club d’Italia e formazioni quotate come Inter, Milan, Juventus e Napoli non sono riuscite ad arrivare fino in fondo. Questa Coppa viene screditata quando la Lazio raggiunge l’ultimo atto, ma ci aspettavamo questo trattamento e queste considerazioni da un certo tipo di stampa. I nostri tifosi ormai sono comunque pronti a tutto. È fondamentale che la squadra, la tifoseria, e la società siano presenti in Europa per garantire visibilità e per assicurare al club stesso una crescita costante che, altrimenti, non si riuscirebbe a conseguire. Dobbiamo arrivare alla finale con la consapevolezza di aver centrato un obiettivo importante e con grande carica. Il 15 sarà un appuntamento che ricorderemo tutti per esserci arrivati e sarà comunque da raccontare. A breve ci saranno aggiornamenti per i prossimi appuntamenti”.

Gianpiero Farina

Sardo d'origine, romano d'adozione. Il giornalismo, soprattutto sportivo, e la Lazio le mie più grandi passioni. Cresciuto tra il mare e il mito di Juan Sebastian Veron, ho deciso di trasferirmi nella Capitale per provare a trasformare i miei sogni in realtà.

Gianpiero Farina ha 1812 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Gianpiero Farina