fbpx

Le Pagelle di Sampdoria-LAZIO. La Banda Caicedo (ri)vede l’Europa.

Pagelle Sampdoria-LAZIO 1-2 :

Strakosha : 6,5. Un’ottima parata su Ramirez al 33° da calcio di punizione. Manda clamorosamente in angolo la ribattuta dal palo al 61° su tiro di Murru.

Wallace : 5,5. Si perde Quagliarella al 17° che però sbaglia mandando fuori. Si ripete al 56° andando a vuoto e Quagliarella non sbaglia per l’1-2. Gioca con la paura ai piedi, meglio di testa. Si prende un’ammonizione assurda per aver buttato una palla in campo. Ancora una volta rimandato.

Acerbi : 6,5.  L’ammonizione a metà PT lo rende ancora più reattivo. Abbassandosi Parolo, cerca come sempre di salire sulle palle inattive. Soffre moltissimo nella ripresa con il forcing infinito della Samp, ma regge bene.

Bastos : 6. Attento come per le ultime prestazioni. Si ripete, è in forma ed è giusto avere la fiducia di Inzaghi. Spazza forse con troppa facilità. Sbaglia a più riprese nel ST perdendosi troppe volte Defrel rischiando addirittura il pareggio. Rimedia nella parte finale spazzando in continuazione.

Leiva : 6,5. Torna e si riprende quello che è suo, una regia dai grandi ascolti. Mette in moto Romulo per poi dare l’assist a Caicedo per lo 0-2. Si abbassa ogni qual volta serve il supporto a Wallace. Sbaglia pericolosamente al 39° rinviando palla intercettata da Ramirez.

Parolo : 6,5. Non si limita al centrocampo, si abbassa regolarmente insieme alla palla. La difesa ha una pedina in più. Se la intende alla perfezione con Romulo, proprio come è successo contro il Milan nella semifinale. Partecipa alla sagra del possesso palla, infinito, che snerva gli uomini di Giampaolo.

Lulic : 6,5. Avanti e dietro sulla fascia, non si stanca mai. Prende calcioni e botte da Ramirez in continuazione tanto che a fine PT viene espulso per doppia ammonizione. Nel ST si prende fisso Sala. Ha un motorino nelle gambe, non si stanca mai. Esce ammonito ed essendo diffidato salterà l’Atalanta.

Romulo : 7. Quella fascia deve essere sua! Non lo ferma nessuno e crossa con il compasso. Un assist perfetto per il secondo gol di Caicedo di testa. Un palo al 53° gli priva la gioia di un gol meritatissimo. Esce per Marusic dopo una botta alla spalla.

Cataldi : 6,5. Inzaghi conferma il giocatore provato in settimana, facendolo partire da titolare. Lavoro umile e testa bassa, imposta il gioco solo quando Leiva è arretrato. Rispetta le gerarchie ma dimostra la sua crescita in mezzo al campo. Legge bene i movimenti degli avversari e segue i suoi compagni sempre da vicino.

Correa : 6,5. Spazia da destra a sinistra con una tranquillità che imbarazza Giampaolo. Cala vistosamente nella ripresa, ma che gol si è mangiato al 92° davanti ad Audero.

Caicedo : 8. Pronti partenza e via subito gol… Una galoppata al 3° dalla propria metà campo, regge di forza l’attacco di Colley e segna alle spalle di Audero. Ottima prova pochi minuti dopo colpisce di testa, ma fuori. Ma oggi è giornata, girata fantastica in area di testa segna ancora dopo un cross perfetto di Romulo. Lascia il posto nel ST ad Immobile.

Immobile : 6. Una punizione che fa tremare la traversa al 75°. Cerca di giocare palla, ma un po troppo lento. Ottimo assist al 92° per Correa, che però sbaglia tutto.

Marusic : 5,5. Prende il posto di Romulo con lo scopo di rallentare il gioco, ma tocca pochissimi palloni.

Badelj : 6,5. Entra in un momento delicato.  Inzaghi vuole dare compattezza al centrocampo, ma non è facile visto il calo di Leiva e l’aggressione della Samp. Si oppone su molti palloni e fa ripartire Immobile al 92° che però crede in Correa, sbagliando.

Inzaghi : 7. I suoi Segnano il gol più veloce della loro stagione (dopo 3 minuti) grazie ad uno scatenato Caicedo. Inzaghi da fiducia a Romulo, vicino al riscatto, e non sbaglia. Una fascia coperta da bandierina a bandierina. Sbaglia cambiando la difesa, mettendo Wallace al posto di Luiz Felipe. Sembra strano ma soffre tantissimo dopo l’espulsione di Ranirez, giocando 11 contro 10. Guadagna 3 punti d’oro credendoci ancora alla Champions finchè la matematica gli da ragione. Il Milan gli ha dato morale, e la vittoria di oggi conferma che il tanto cuore paga sempre.

Stefano Ghezzi

Giornalista Internazionale e membro USSI - Unione Stampa Sportiva Italiana. Sono un appassionato di sport, ma strizzo un occhio per il calcio e uno per l'automobilismo. Holly e Benji i miei tutor, è colpa loro se colleziono foto di tutti gli stadi al mondo e mi appassiono quando la palla entra in rete grazie ad un bel gioco. Vivo a Roma e lavoro dove la 'palla' mi porta....in Gol!

Stefano Ghezzi ha 88 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Stefano Ghezzi