fbpx

Milan-Lazio, Igli Tare: “Storia di una morte annunciata”

Igli Tare, attacca duramente l’arbitraggio di San Siro ai microfoni di DAZN:

È la storia di una morte annunciata, quello che abbiamo temuto prima della partita è successo durante la gara. Ci dispiace perdere una partita giocata alla grande soprattutto nel primo tempo, meritavamo di decidere questa partita sul campo e non dagli episodi. Mi riferisco alla velocità dell’arbitro nel fischiare anche il primo rigore di Acerbi e si vedeva lontano mille metri che non era mano, sul secondo si può fischiare, è un contrasto dove il giocatore del Milan è andato giù come se gli avessero sparato. Su Milinkovic-Savic è rigore netto, è vero che c’è un tocco sul pallone però il contatto sulla gamba è duro ed evidente quindi si deve assegnare il calcio di rigore. Non è una gara tra chi dice che è rigore e chi dice di no, chi ha giocato sa che quello può essere rigore e che l’arbitro dovrebbe quantomeno andarlo a vedere. Siamo in debito già dall’anno scorso, non mi piace venire qui e fare la vittima ma meritiamo di decidere il nostro destino sul campo, vedremo cosa succederà nelle prossime partite e ci giocheremo la nostra vendetta tra dieci giorni in Coppa Italia.

Augusto Sciscione

Nato a ottobre del 1977 sotto il segno della bilancia. Laureato in Giurisprudenza esercita la professione di avvocato. Ama lo sport in generale, ma le sue grandi passioni sono la pallacanestro e la Lazio. La prima gara vissuta da spettatore allo Stadio Olimpico è stata Lazio-Taranto che terminò 3-1 e riporto la Lazio in Serie A. Ha vissuto gli anni d'oro della Lazio di Sven Goran Eriksson ed il giocatore a cui è rimasto più legato è il Cholo Simeone. Ama i cani ed al momento ne possiede uno di nome Gazza.

Augusto Sciscione ha 5290 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Augusto Sciscione