Nazionale, Quagliarella entra nella storia. Ma non chiamatelo “vecchio”…

Il 2019 è l’anno di Fabio Quagliarella, senza alcun dubbio. L’attuale capocannoniere della Serie A, continua a collezionare record in questa stagione che gli sta regalando più di una soddisfazione.

La doppietta al Liechtenstein (la partita è ancora in corso), a 36 anni e 54 giorni, scrive il suo nome nella storia della Nazionale Italiana.

Suo il record di marcatore più “anziano” degli azzurri. L’attaccante della Sampdoria supera in un colpo solo Andrea Pirlo, Fabio Cannavaro, Antonio Di Natale e Cristian Panucci – quest’ultimo il detentore dello scettro con il gol segnato all’età di 35 anni e 2 mesi –  e raggiunge quota 23 reti in questa stagione.

Dopo la standing ovation all’ingresso in campo contro la Finlandia sabato scorso, anche il Tardini si alza in piedi per celebrare il “bomber più vecchio” della Nazionale con un applauso da brividi.

 

Micaela Monterosso

Social Media Manager appassionata di calcio, musica e scrittura. Cresciuta con il mito di Beppe Signori e Sinisa Mihajlovic all'ombra dell'Alberone, fino a quando non è crollato. Oggi vivo in Valdichiana, senza miti e con tanti alberi.

Micaela Monterosso ha 750 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Micaela Monterosso

Avatar

Lascia un commento

Share via
Copy link
Powered by Social Snap