fbpx

ESCLUSIVA – Emissari della Lazio in Albania: i biancocelesti su tre giocatori. E c’è un clamoroso ritorno di fiamma…

Vista la pausa del campionato, gli impegni delle nazionali diventano un’occasione per tornare a parlare di mercato. In casa Lazio si continua a pensare a come rinforzare la rosa in vista della prossima stagione. Infatti, secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva dalla redazione di ‘Noi Biancocelesti’, emissari della società biancoceleste sarebbe volati in Albania per seguire la sfida tra la nazionale di Panucci e la Turchia, gara valevole per le qualificazioni a Euro 2020.

OCCHI IN ALBANIA… E IN ITALIA – Il motivo di questa presenza sarebbe l’interesse per tre giocatori che scenderanno in campo allo Stadio Loro-Boriçi di Scutari. Il primo nome sul taccuino dei capitolini sarebbe quello di Bekim Balaj, attaccante albanese classe ’91 in forza all’Achmat Groznyj. Si tratta di una prima punta molto mobile, dotata di un fisico longilineo e di una discreta tecnica. Occhi puntati anche su Ledjan Memushaj, centrocampista albanese del Pescara. Il 32enne è già stato in passato accostato alla Lazio e ha come principale caratteristica la sua duttilità.

RITORNO DI FIAMMA – Ma il nome più clamoroso sarebbe quello di Burak Yilmaz. L’attaccante turco, attualmente al Besiktas, è stato nelle estati 2012 e 2013 al centro di una vera e propria telenovela di mercato a tinte biancoceleste. La pista però potrebbe tornare di nuovo calda e il 33enne potrebbe finalmente riuscire a sbarcare nella Capitale. E chissà che stavolta non sia la volta buona. Insomma, Albania-Turchia ha il forte sapore di mercato, ma anche un po’ di ritorno al passato.

Dall’inviato Stefano Ghezzi

Gianpiero Farina

Sardo d'origine, romano d'adozione. Il giornalismo, soprattutto sportivo, e la Lazio le mie più grandi passioni. Cresciuto tra il mare e il mito di Juan Sebastian Veron, ho deciso di trasferirmi nella Capitale per provare a trasformare i miei sogni in realtà.

Gianpiero Farina ha 1812 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Gianpiero Farina